C’erano i braccianti di Foggia, i lavoratori della Whirlpool. E poi, ancora, c’era Francesca, lavoratrice precaria di un call center. E con loro attivisti e attiviste, come le Sardine o i ragazzi del movimento “Italiani senza cittadinanza”. Uomini e donne che hanno preso Piazza San Giovanni trasformandola nella piazza degli “invisibili”. Proprio come aveva chiesto Aboubakar Soumahoro, organizzatore degli Stati popolari. In tanti hanno risposto al suo appello, lanciandone a loro volta, altri al governo e al premier Giuseppe Conte. “Siamo qui con la nostra frutta – spiegano i braccianti pugliesi – Ogni stagione lavoriamo, non abbiamo estati né inverni. Quanto prendiamo? Quattro euro l’ora“. Per questo “chiediamo la regolarizzazione di tutti i lavoratori dei campi”. Tante storie, come sottolineano anche le Sardine, “che possono fare parte della stessa famiglia”. Come Francesca, che dal palco racconta la condizione delle donne lavoratrici: “Nel 2019 37611 donne costrette a lasciare il posto di lavoro perché diventate madri”, denuncia. Una lotta, ricordano i dipendenti Whirlpool “di democrazia”. “Vogliamo che l’azienda rimanga – spiegano – per far rispettare gli accordi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stati popolari, dai rider ai braccianti fino agli operai Whirlpool ed ex Ilva: gli “invisibili” a San Giovanni. “Non siamo corpi da sfruttare”

next