Conte e il governo ascoltino la nostra voce, la voce degli invisibili“. È l’appello lanciato da Aboubakar Soumahoro, attivista e sindacalista, dalla manifestazione degli “Stati popolari” in piazza San Giovanni a Roma. Una piazza fatta da persone che lottano ogni giorno per il “precariato, il lavoro mal pagato”, ma anche “di chi un lavoro non ce l’ha o di chi lavora ma viene sfruttato dalle piattaforma digitali al mondo dell’informazione”. “Questa non è la piazza del no, è la piazza della proposta – continua Soumahoro parlando con i giornalisti – Risposte dal governo? Nonostante quel momento, chiusi dentro al Palazzo (agli Stati generali, ndr), il grido di dolore ancora c’è. C’è mezzo milione di persone che si ritrova senza lavoro, sappiamo chi sono i nuovi poveri, senza diritti“, ha rivendicato il sindacalista. Tutto mentre dalla piazza, che ha riunito braccianti, movimenti per la casa, lavoratori precari e non solo, i presenti hanno chiesto cittadinanza, salute e diritti: “Non vogliamo centri di accoglienza, vogliamo lavoro. L’Italia non deve avere paura, sono i nostri diritti quelli che chiediamo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I Folli di Dio, la lotta di classe della Chiesa degli umili. Da Milani e La Pira a Turoldo: “Dove si fonda il diritto di licenziare del padrone?”

next
Articolo Successivo

Pescara, “cercasi badante, ma non di colore”: polemiche per l’annuncio di un’agenzia. L’Anpi: “Questa è una forma di razzismo”

next