Ottantasei sacchi contenenti resti umani e sepolti in una tenuta sono stati ritrovati nello stato di Jalisco, in Messico. Tutto è iniziato da una ricerca partita sulla base di “indizi” raccolti nell’ambito delle inchieste per localizzare persone scomparse nell’interminabile guerra tra i narcos. Sulla base di questi elementi, un giudice il 12 giugno scorso ha autorizzato la procura a perquisire la tenuta nella colonia Santa Anita, dove appunto sono stati trovati, disseminati in diversi luoghi, gli 86 sacchi. Il governo di Andrés Manuel López Obrador lo scorso gennaio ha stimato che in Messico vi sono oltre 61mila ‘desaparecidos’. Se però se si considerano i dati a partire dal 1964, le persone scomparse nel Paese sono 147mila.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francia, si è dimesso il premier Edouard Philippe: al suo posto Jean Castex. Al via il rimpasto di governo dopo la disfatta di Macron

next