La bellezza, si sa, non conosce distinzioni di sesso, origini, età o altro. Nel corso degli anni è stata proprio la moda ad abbattere per prima tante barriere, distruggendo mattone dopo mattone il muro del pregiudizio costruito dalla società occidentale e affermando il pensiero che la diversità non è un limite, bensì un valore aggiunto. Così ora è sempre la moda a sconfiggere l’ultimo tabù, quello della disabilità. Gucci ha scelto infatti come volto della sua nuova campagna beauty Ellie Goldstein, modella 18enne con la sindrome di Down. È la prima volta che succede e gli scatti pubblicati su Instagram dalla maison fiorentina hanno fatto in poche ore il giro del web, suscitando tante reazioni entusiaste e raccogliendo i complimenti degli “addetti ai lavori”.

Originaria di Ilford, cittadina dell’Essex, nel nord di Londra, Ellie ha iniziato la sua carriera nel mondo della moda facendo anni di gavetta tra pubblicità e shooting, prima di approdare all’alta moda. Tre anni fa è arrivato il primo contratto con un’agenzia che rappresenta persone con disabilità, poi il debutto nel fashion system e le prime pubblicità con brand quali Vodafone e Nike. Ma il sogno di Ellie è sempre stato quello di posare per un brand di alta moda. E oggi quel sogno è diventato realtà. Il suo volto sponsorizza il mascara L’Obscur, ultima creazione di Gucci beauty.

Ora che ha raggiunto il suo obiettivo nel mondo della moda, Ellie Goldstein punta già al prossimo: laurearsi. È iscritta alla facoltà di arti performative del college di Redbridge ed è un esempio per i suoi compagni, ma anche per tutti i disabili che vogliono realizzare un sogno e affermarsi in una lavoro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Katia Ricciarelli: “José Carreras? Con una frase sono caduta per terra”. E Stefania Sandrelli commenta

next
Articolo Successivo

‘Per un pugno di vestiti di Zara’: tre clienti in fila davanti ai camerini si prendono a schiaffoni

next