Questa mattina a Chiomonte, in Val di Susa, le donne del movimento No Tav hanno messo in scena la performance “Un violador en tu camino” davanti ai cancelli del cantiere della grande opera. Un flash mob con bende sugli occhi e bandane che si ispira a quello del collettivo femminista cileno Lastesis, diventato un simbolo in tutto il mondo. “La colpa è solo vostra che occupate la terra nostra, noi da qui non ce ne andiamo, questa terra difendiamo”, hanno cantato le militanti che nel corso della giornata hanno effettuato anche una “battitura” ai cancelli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Isole Eolie, capodoglio di 10 metri intrappolato in rete da pesca illegale: il video del salvataggio

next
Articolo Successivo

Pescara, aggressione omofoba sul lungomare: 25enne finisce in ospedale con la mascella fratturata

next