La carreggiata nord dell’autostrada A12 è stata chiusa questa mattina per un breve periodo di tempo dopo che alcune parti di calcestruzzo del cavalcavia di via Poggio Bellavista a Santa Marinella, vicino a Roma, si sono staccate finendo vicino alle corsie. Sul posto sono intervenuti subito i tecnici dei vigili del fuoco e dalle prime verifiche è emerso un leggero dissesto in prossimità di un giunto. Durante le fasi di verifica si è deciso di disporre la chiusura della carreggiata direzione nord al chilometro 48,60, per poi essere riaperto poco dopo. Il traffico è stato regolato a senso unico alternato sull’altra carreggiata.

Il cavalcavia, secondo quanto si apprende, non è gestito dalla concessionaria della Roma-Genova ma dall’amministrazione comunale di Santa Marinella, che ha assicurato un intervento per il ripristino dell’infrastruttura entro mercoledì prossimo. La direzione di tronco di Autostrade ha precisato che “il danno è avvenuto a un giunto sulla pavimentazione sopra il cavalcavia in gestione all’amministrazione comunale di Santa Marinella”. “Nessuna caduta di calcinacci si è verificata sull’autostrada A12 – specifica la concessionaria – poiché il giunto si trova sulla scarpata del cavalcavia esterna rispetto alla carreggiata autostradale”.

La direzione di Tronco, continua la nota, ha “provveduto ad inviare i propri tecnici e quelli di una società d’ingegneria terza sul posto per effettuare una verifica complessiva al cavalcavia, senza rilevare alcun problema alla struttura e confermando soltanto il danneggiamento al giunto sopra la pavimentazione in gestione comunale”. Il transito in autostrada – conclude la nota – è “stato sempre garantito in entrambe le carreggiate gestendo il flusso veicolare, limitatamente alle sole fasi di verifica, con riduzione di carreggiata. Attualmente il traffico è regolare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la lettera dei 101 per un vaccino che sia “bene universale”: a firmarla premi Nobel, presidenti, vip e accademici

next
Articolo Successivo

Coronavirus, concerto per le vittime da Covid-19 a Bergamo: le prove nel piazzale del cimitero

next