Fischi e urla hanno accolto il leader della Lega Matteo Salvini, sul palco ad Andria per presentare la candidatura a sindaco di Antonio Scamarcio. Un gruppo di persone ha fischiato l’ex ministro, gridandogli “buffone”. Dal palco non si è fatta attendere la risposta di Salvini che ha definito i giovani “figli di papà dei centri sociali”, sostenendo di “lavorare anche per il vostro futuro”. Al gruppo, poi, ha suggerito di prendere “10 clandestini a testa a casa vostra, magari qualcuno li vuole pure perché gli piacciono”. Dopo ulteriori contestazioni al grido di “scemo, scemo”, Salvini ha aggiunto: “Qui ci sono mamme e papà che hanno fallito nel loro progetto educativo, vi meritate la Azzolina e la Bellanova“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Verona, Lega all’attacco del sindaco Sboarina (FdI): il braccio di ferro per non perdere il controllo delle ricche multiservizi pubbliche

next
Articolo Successivo

Vitalizi, quando a febbraio Caliendo annunciò che non avrebbe partecipato al voto sui ricorsi: “Mi asterrò in difesa del Senato”

next