Si è lanciato dal ventisettesimo piano del grattacielo di Los Angeles dove viveva: così è morto a 55 anni Steve Bing, ex compagno di Liz Hurley e padre di suo figlio Damian. L’uomo, secondo quanto riferisce il sito Tmz, si è suicidato a causa della forte depressione di cui aveva iniziato a soffrire per la “mancanza di contatto durante la quarantena”.

Il milionario produttore di film e filantropo era noto per aver investito in film come Polar Express e per aver scritto il soggetto di Kangaroo Jack – Prendi i soldi e salta. Con l’attrice Elizabeth Hurley aveva invece avuto una relazione burrascosa come dimostra la battaglia legale ingaggiata per appurare la paternità del figlio Damian nato nel 2002. Bing aveva anche un’altra figlia, Kira Bonder, avuta dall’ex tennista Lisa Bonder.

Secondo fonti vicine alle forze dell’ordine, Steve Bing si è suicidato lunedì 22 giugno, gettandosi nel vuoto da uno degli edifici più lussuosi del quartiere di Century City, a Los Angeles, dove aveva un appartamento. Alcune persone che lo conoscevano hanno rivelato a Tmz che negli ultimi tempi il produttore viveva un profondo stato di malessere dovuto alla condizione di solitudine imposta della quarantena dovuta all’emergenza coronavirus.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Belen Rodriguez rompe il silenzio sulla rottura con Stefano De Martino: “Non ho più pazienza, vorrei ricevere quel che do. Quanto c***o mi piace vedere…”

next