“L’Italia digitale” è il primo dei nove punti che il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha portato al tavolo di Villa Pamphilj. Da qui passa anche il grande nodo di una rete unica e nazionale di fibra ottica, che nelle prossime settimane potrebbe vedere coinvolte Tim e Open Fiber. “Dobbiamo lavorare per modernizzare il Paese, per una robusta transizione energetica, per un’Italia più inclusiva” ha detto il premier nella conferenza stampa di chiusura degli Stati Generali. Sul primo punto “tutti hanno condiviso il rafforzamento dell’Alta Velocità. Ancora, grande condivisione sul piano cashless. Tutte le componenti sane del Paese ci chiedono di contrastare l’economia sommersa”. Con il piano cashless il governo vuole promuovere i pagamenti digitali con un bonus ai consumatori, combattendo, al tempo stesso, l’evasione

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La festa dei 10 anni de ilfattoquotidiano.it – “Quella volta che facemmo lo scoop sul presidente del Censis”. Ecco il video di allora

next
Articolo Successivo

La festa dei 10 anni de ilfattoquotidiano.it – “Quella notte del 22 giugno 2010”. I redattori di allora raccontano il trauma (e l’entusiasmo) di quei giorni

next