“Un aspetto su cui la pandemia ci ha fatto riflettere è il rapporto uomo-ambiente. La chiusura ha ridotto l’inquinamento e fatto riscoprire la bellezza di tanti luoghi liberi dal traffico e dai rumori. Ora, con la ripresa delle attività, tutti dovremmo essere più responsabili della cura della casa comune”, così Papa Francesco durante l’Angelus domenicale. In piazza San Pietro sono diversi i pellegrini che si sono radunati, distanziati tra loro e nel rispetto delle misure anti contagio, sotto l’occhio attento delle forze di sicurezza. Il Pontefice apprezza le iniziative che “ovunque nascono dal basso”, e vanno in questo senso. Come a Roma, “dove oggi ce n’è una dedicata al fiume Tevere”. “Ma ce ne sono tante, in altre parti! Possano favorire una cittadinanza sempre più consapevole di questo bene comune essenziale”, conclude il Papa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Oristano, scuote la tovaglia dal balcone, ma la ringhiera cede: donna di 42 anni cade e muore

next