Il giornalista Mediaset ed ex assessore all’Ambiente di Milano Paolo Massari è stato arrestato nella notte con l’accusa di violenza sessuale. La vittima è una sua vecchia conoscenza che ha raccontato agli agenti di essere stata aggredita e violentata nel box di Massari. La donna è stata soccorsa attorno alle 21.45 dalle volanti mentre con i vestiti strappati in strada, in via Nino Bixio, chiedeva aiuto. Trasportata alla clinica Mangiagalli, dove i medici hanno accertato la violenza subita, la cinquantenne ha raccontato quel che è accaduto e ha spiegato di essere riuscita a scappare. Diversi testimoni l’hanno vista correre e urlare in strada. Massari è stato portato nel carcere di San Vittore. Ora spetterà al gip convalidare l’arresto chiesto dalla Procura.

Massari, 54 anni, era già stata accusato di molestie sessuali nei confronti di una dipendente comunale e di una diplomatica norvegese quando, dieci anni fa, era assessore all’Ambiente del Pdl nella giunta di Letizia Moratti. Molestie raccontate in due lettere, una scritta direttamente dal console della Norvegia. Massari firmò le dimissioni pochi giorni dopo, ma si è sempre proclamato innocente: “Non sono un molestatore sessuale”, disse in una conferenza stampa del giugno 2010. L’iter giudiziario si concluse con un nulla di fatto, mentre Massari nel frattempo è tornato a fare il giornalista per Mediaset.

Questa volta invece è stata avviata una inchiesta. Secondo una prima ricostruzione, Massari ieri sera si è dato appuntamento con l’amica, una imprenditrice sua coetanea che conosce da anni ma con la quale mai ha avuto una relazione sentimentale, per parlare anche di lavoro in quanto lei aveva problemi professionali a causa del coronavirus. I due dopo un aperitivo hanno deciso di andare a cena. A quel punto, secondo la ricostruzione degli investigatori, il giornalista ha proposto alla donna di lasciare lo scooter nel suo box per poi andare al ristorante.
Una volta arrivati nel garage lui avrebbe cambiato registro. La donna ha raccontato che ha abbassato la serranda e l’ha aggredita e violentata. L’imprenditrice è poi riuscita a scappare e senza abiti è stata soccorsa per strada dalle volanti. In Mangiagalli, al centro Violenze Sessuali, ha raccontato tutto e poco dopo il giornalista è stato arrestato. Gli uomini della scientifica hanno fatto i rilievi nel box.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, fermato rider pendolare: “Voleva salire in treno con la bici”. Polizia: “Incitava alle proteste, denunciato anche per possesso di droga”

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi, il nodo delle celebrazioni per il nuovo viadotto. I parenti delle vittime: “L’unica festa sarà quando avremo i colpevoli”

next