“Una volta sono stata colpita da un fulmine mentre stavo stirando“. A rivelarlo è Sharon Stone che ha deciso di ripercorrere i suoi 62 anni di vita in un’autobiografia, The Beauty of Living Twice, in uscita a fine anno, in cui racconta le tante esperienze anche traumatiche vissute, tra cui anche questo episodio che ha svelato intervenendo nel podcast “Films To Be Buried With”. L’attrice ha spiegato che la potenza del fulmine è stata tale da mandarla a sbattere contro il frigorifero dall’altra parte della cucina. Nell’impatto ha perso conoscenza ma per fortuna in quel momento non era sola in casa: con lei ‘era la mamma Dorothy, che l’ha soccorsa.

“Mia mamma era lì e mi ha schiaffeggiata sul viso, facendomi rinvenire – ha continuato Sharon Stone– ed ero in uno stato talmente alterato che non riesco nemmeno a descriverlo. Così mi ha infilata in macchina e mi ha portata in ospedale, dove mi hanno fatto un elettrocardiogramma e hanno visto tutta l’elettricità che avevo nel corpo e quindi per i successivi dieci giorni mi hanno tenuta monitorata facendomi un elettrocardiogramma al giorno”.

Questa non è stata però l’unica esperienza quasi mortale vissuta dall’attrice di Basic Instinct: “In effetti ho avuto un sacco di cose, è pazzesco”, ha riconosciuto lei stessa nell’intervista riferendosi anche all’ictus avuto nel 2001. Ma anche quando era ancora un’adolescente e viveva in Pennsylvania, la Stone ha avuto una disavventura: si è quasi recisa la vena giugulare in un bizzarro incidente a cavallo: “Sono rimasta impigliata nel filo mentre andavo a cavallo – ha raccontato ancora l’attrice – e mi sono tagliata vicinissimo alla giugulare e mi è rimasta la cicatrice sul collo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La regina Elisabetta fa la sua prima videochiamata ufficiale su Zoom: “Sono molto impressionata”

next