“Sarebbe un errore pensare che la prossima navigazione sia scevra da ulteriori rischi e che, passata la burrasca, si possa dividerci. Ho sempre detto che sulla sanità va fatto uno sforzo in più per far prevalere l’interesse generale abbassando le bandierine di quartiere“. Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza, nella prima parte delle comunicazioni alla Camera sulle prossime misure del governo per contrastare il coronavirus. Il ministro ha sottolineato la “necessità di una forte sinergia istituzionale e sociale” per “superare la tempesta”. Serve “una limpida dialettica tra maggioranza e opposizione. Per me la collaborazione non è una scelta ma un vero obbligo istituzionale

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Travaglio su La7: “Lombardia? Non puoi rivendicare l’autonomia quando hai meriti e scarichi responsabilità a Roma se hai demeriti”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Speranza: “Tenere alto il numero dei test, soprattutto per cercare possibili focolai dove il Covid ci ha fatto più male”

next