Fase 2 e quindi “Tutto bene?”. Sui media e sui social continuano a circolare notizie di errori, dimenticanze, storture e abusi che avvengono (o sono avvenuti) in questa fase emergenziale legata al coronavirus. Ma spesso queste segnalazioni non trovano la giusta visibilità e per questo The Good Lobby insieme alle organizzazioni Elvira, TAC Training Academy for Change, Libere Idee, Creative Fighters lancia la campagna #tuttobene? per dare voce ai cittadini che vogliono riportare irregolarità, problematiche o possibili illeciti nell’Italia ai tempi del Covid-19. #tuttobene? vuole raccogliere dal basso le voci di chi non trova voce e comporle in modo da poter offrire una visione d’insieme delle difficoltà e carenze sistemiche affrontate dai cittadini in questo scenario di ripartenza e di – tentato – ritorno alla normalità. La campagna, che prevede la possibilità sia di segnalazioni anonime che non, intende offrire spunti e possibili informazioni ai giornalisti (per raccontare e portare avanti inchieste), agli attivisti (per proporre soluzioni e fare pressione sulle forze politiche) e cittadini (per partecipare, e chiedere con la forza dei numeri soluzioni concrete), mentre non ha fra i suoi scopi quello di risolvere o garantire assistenza legale a casi personali. In questa fase delicata per il nostro Paese non è sufficiente richiamare alla responsabilità individuale; in molti temono un secondo lockdown, ma se non correggiamo i gravi errori dei mesi precedenti perché non siamo riusciti a portarli alla luce e farci ascoltare, siamo destinati a non uscire mai da questa situazione. #tuttobene? vuole individuare i focolai di negligenza e raccogliere le testimonianze di chi, suo malgrado, viene oppresso da interessi biechi, superficialità e incuria ma non sa a chi dirlo. Chi è interessato può inviare la propria storia inserendola sul sito www.tuttobenecovid.it, avrà a disposizione 500 caratteri per raccontare quanto vissuto. Sulla base delle segnalazioni pervenute The Good Lobby in accordo con i partner di questa iniziativa elaborerà proposte e iniziative volte a trovare possibili soluzioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lampedusa, incendiati i barconi dei migranti. Il sindaco: “Disegno preciso per alimentare la tensione”. Il ministro Provenzano visita l’isola

next
Articolo Successivo

Mascherine, l’Oms cambia idea: “Vanno indossate anche all’aperto nei luoghi affollati. Per gli over 60 meglio chirurgiche”

next