“I medici non si accorsero del carcinoma al seno e mi hanno rovinato la vita”. Lo sfogo di Serena Grandi giunge durante l’ultima puntata de I Fatti Vostri. L’ex attrice, oggi 62enne, protagonista di celebri titoli erotici diretti da Tinto Brass, ha raccontato nei dettagli la vicenda che l’ha portata alla scoperta della malattia che le ha segnato gli ultimi anni della sua vita. “Avevo in previsione un intervento estetico alla pancia per sistemarla un po’ e i medici hanno proposto di aggiungere un lifting al seno, ma quando hanno aperto hanno trovato un carcinoma di 5 centimetri di cui non sapevo nulla. Erano loro che dovevano saperlo e vederlo, non io che faccio l’attrice. Hanno chiuso e poi riaperto, giocando con la mia salute”.

La Grandi ha spiegato che ci vorranno anni per ricostruire quella parte del corpo ed avere un seno come prima ed essere una donna come tutte le altre. Gli avvocati dell’ex attrice hanno svelato che si sono succeduti quattro specialisti per studiare il caso della loro assistita partendo da una cartella clinica “lacunosa” e alla mancanza di esami pre-operatori non effettuati prima dell’intervento. Esami che avrebbero quindi potuto individuare il tumore al seno. La Miranda di Brass ha poi chiuso il suo sfogo dalla sua pagina Instagram: “Come diceva un antico proverbio cinese, attendo sul fiume i cadaveri dei miei nemici. Non sono una donna rancorosa ma nella vita ho imparato che il tempo è più di tutti galantuomo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tommaso Paradiso: “Mio padre mi abbandonò quando avevo pochissimi mesi. Mi mettevo davanti alla porta per non farlo andare via”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il nuovo allarme dell’Oms: “Disinfettare tutto è inutile e dannoso”. Ecco perché

next