Dopo neanche un giorno al via libera allo spostamento tra Regioni, più di 6mila persone sono rientrate in Puglia. Dalla mezzanotte del 3 giugno fino alle 16, infatti, sono stati compilati 6608 moduli online necessari, secondo l’ordinanza del presidente regionale Michele Emiliano, entrata in vigore proprio ieri, per segnalare l’ingresso in Puglia da altre Regioni o dall’estero. “Gli accessi alla piattaforma online, invece, messa a disposizione dalla Regione sono stati 80217“, ha sottolineato il governatore Emiliano.

Che sia in macchina, in treno o in aereo, chiunque si sposta, si trasferisce o entra in Puglia, infatti, deve compilare online un auto-segnalazione disponibile sul sito della Regione, dichiarando il luogo di provenienza e il Comune in cui soggiornerà. Necessario anche stilare una lista, da conservare per trenta giorni, dei luoghi visitati e delle persone incontrate in Regione. Il tutto nel rispetto della privacy, ha aggiunto Emiliano, perché l’annotazione privata dei contatti stretti e dei luoghi visitati durante il soggiorno in Puglia” sarà “rilevante solo in caso di effettiva necessità epidemiologica”. Sono esclusi dall’ordinanza, invece, tutti coloro che devono spostarsi per lavoro, per motivi di salute o per ragioni di assoluta urgenza, chi si occupa del trasporto merci e della filiera produttiva da e per la Puglia.

“Entriamo oggi in una nuova fase – ha aggiunto Emiliano – nella quale il senso di responsabilità di ciascuno di noi farà la differenza. Ma sono anche il segno dello spirito di collaborazione dei pugliesi e dei visitatori nell’ottemperare le disposizioni previste dall’ordinanza ai fini di prevenzione”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Iva del 22% sui beni donati agli ospedali dalle Onlus: “Serve un’imposta agevolata”. Il caso a Sono le Venti (Nove)

next
Articolo Successivo

Torino, resta bloccato in ascensore e tenta di uscire ma precipita nel vuoto: morto 68enne

next