Diciotto persone sono state fermate a Parigi durante gli incidenti a margine della manifestazione non autorizzata organizzata ieri per Adama Traoré, il ragazzo nero di banlieue morto nel 2016 mentre era in stato di fermo. A riferirlo è la prefettura di zona citata dai media francesi. In totale sono 20mila le persone che hanno manifestato davanti al Tribunale di Parigi sfidando il divieto della polizia. “Traoré come Floyd“, “tutti contro la polizia”, “Rivolta”, erano alcuni degli slogan scanditi dalla piazza. La prefettura precisa inoltre che delle 18 persone fermate ieri 17 sono state poste in stato di fermo giudiziario. Nella mobilitazione seguita alle pesanti notizie provenienti dagli Stati Uniti, i manifestanti si sono riuniti numerosi, rispondendo all’appello del comitato di sostegno per la famiglia Traoré, il nero di 24 anni morto e diventato il simbolo della protesta contro le violenze della polizia: “Oggi – ha detto la sorella maggiore davanti ai manifestanti – questa non è più la battaglia della famiglia Traoré, è la battaglia di tutti voi. Oggi, quando si lotta per George Floyd, si lotta anche per Adama Traoré”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus – Regno Unito, l’ex consigliere di Johnson: “Covid-19 arrivato qui da Spagna e Italia”

next
Articolo Successivo

Floyd, ex analisti Cia sulle violenze contro chi protesta: “È il copione delle dittature. Trump mi ricorda il Terzo Mondo”

next