S’erano tanto amati. È finita nella maniera più triste, e forse meno dolorosa. Una separazione prolungata e per questo alla fine neppure traumatica, un addio a distanza, di quando ci si lascia semplicemente con un messaggio perché tanto non c’era più niente da dirsi. L’Inter ha venduto Mauro Icardi: l’argentino si trasferisce al Paris Saint-Germain (dove era già in prestito) per una cifra vicina ai 60 milioni di euro, chissà quanto a titolo davvero definitivo perché non è che in Francia morissero dalla voglia di trattenerlo e le vie del mercato, si sa, sono infinite. Di sicuro a Milano non c’era più posto per lui.

C’è stato un momento, anche piuttosto lungo, in cui Mauro Icardi era simbolo dell’Inter. Bandiera e capitano. Non solo per modo di dire o fascia il braccio, l’attaccamento era sincero. Con quella maglia è diventato uno dei centravanti più forti al mondo, che però si è ritrovato a giocare probabilmente nell’Inter peggiore della storia. Avrebbe potuto andar via molto prima, quando era lui all’apice del successo: non l’ha fatto e di questo gli andrà dato atto. Se ne va ora che l’Inter sembra avere un futuro più o meno luminoso davanti e invece la parabola della carriera dell’argentino non si capisce a che punto sia. Non c’è ingratitudine, solo amore finito.

Cosa sia successo a cavallo tra il 2018 e il 2019, quando l’attaccante fu destituito dal ruolo di capitano, finendo praticamente fuori rosa per settimane e poi tornando in campo come l’ombra di se stesso, non è il caso di riepilogarlo, anche perché non l’abbiamo mai capito per davvero. Se la rottura sia stata più con l’allenatore Luciano Spalletti, lo spogliatoio o la società, quanto abbiano pesato le intemerate social della moglie-procuratrice-showgirl Wanda Nara, quanto le bizze contrattuali e quanto gli abboccamenti di mercato con i rivali della Juventus. È tutto avvolto in una nebulosa, su cui nessuno dei diretti interessati ha mai fatto veramente chiarezza. A questo punto non serve nemmeno. Meglio soffermarsi sulle implicazioni e le conseguenze di questa cessione.

L’Inter si priva di quello che fino a un anno fa era il suo migliore, se non unico, campione. Oggi non è più così, dopo l’arrivo di Lukaku e l’esplosione di Lautaro (accostato al Barcellona, quella sì che sarebbe una grave perdita). Dunque dal punto di vista tecnico la cessione è praticamente indolore. Da quello finanziario è un’altra storia. I 60 milioni che sborserà il Psg sono tutti plusvalenza, dunque per il bilancio sarà comunque un toccasana. Certo, è impossibile dimenticare che fino a un paio d’anni fa Icardi aveva una clausola rescissoria di 110 milioni di euro che le big d’Europa sembravano disposte ad avvicinare. Ed è questa la critica che viene mossa all’Inter e a Marotta: mettendolo fuori rosa e dovendo venderlo ad ogni costo, il club ha perso almeno 30 milioni.

Nessuno potrà confermarlo o smentirlo: quelli sono soldi virtuali, i 60 milioni che incassa oggi l’Inter sono reali. Di mezzo poi c’è stato il Covid, il cui impatto sulle valutazioni dei cartellini è tutto da verificare: chissà quanti giocatori saranno venduti quest’estate ad una cifra superiore. Ma il punto è un altro. Nella telenovela Icardi, l’Inter ha voluto dimostrare la superiorità del gruppo rispetto al singolo, ricostruire l’immagine di una società forte dopo anni di figuracce e debolezze dirigenziali. Era questo l’obiettivo di Marotta, che sapeva di mettersi in una posizione molto scomoda, in cui rischiava di svalutare il suo principale capitale e magari regalarlo pure agli odiati rivali della Juventus (i tifosi nerazzurri non gliel’avrebbero mai perdonato).

Marotta ha rischiato, ma oggi può dire di aver vinto la sua sfida: Icardi è stato venduto a una cifra accettabile, e la clausola anti-Juve (15 milioni in più in caso di cessione ai bianconeri) non esclude del tutto ma sicuramente complica il suo possibile ritorno in Italia da avversario. È vero, forse l’Inter ha sacrificato un pezzo del valore di Icardi, ma ha riacquistato credibilità, e quella non ha prezzo. Non fatevi ingannare dall’ultimo anno da incubo: Icardi è ancora un grande attaccante, se tornerà a segnare a raffica, sarà rivenduto a cifre folli o finirà davvero alla Juventus, all’Inter un giorno forse potrà anche mancare. Ma comunque vada a Milano non lo rimpiangerà nessuno.

Twitter: @lVendemiale

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giovanni Malagò indagato per falso a Milano: al centro dell’inchiesta l’elezione di Gaetano Micciché a presidente della Lega Serie A

next
Articolo Successivo

Balotelli, Higuain, Chiesa, Pellegrini: in cerca di rilancio o salto di qualità, finiti nel limbo causa Covid, la ripresa come spartiacque

next