Il Viminale è al lavoro per una prima sperimentazione del voto elettronico da effettuare già al prossimo election day, previsto in autunno. Il decreto legge elezioni, la cui approvazione alla Camera è stata rinviata al prossimo 8 giugno, prevede infatti l’accorpamento del voto per le regionali, le comunali e per il referendum sul taglio dei parlamentari in un’unica data, ancora da fissare. Potrebbe essere quella l’occasione per sperimentare per la prima volta a livello nazionale l’e-voting: “Gli elettori voteranno nell’urna tradizionale e poi chi vorrà in alcune città potrà partecipare alla sperimentazione”, spiega il presidente della commissione Affari costituzionali della Camera, Giuseppe Brescia, sottolineando che esistono due modelli da valutare: un’urna digitale o il voto via app.

Il sottosegretario all’Interno, Achille Variati, rispondendo proprio a un’interrogazione del deputato M5s Brescia, ha confermato infatti che il Viminale procederà “con sveltezza” all’avvio della Commissione interministeriale assieme al Ministero per l’innovazione tecnologica che dovrà “individuare le imprescindibili garanzie procedimentali volte ad assicurare il diritto di voto che rappresenta il cuore della nostra democrazia”.

La sperimentazione sarà su base volontaria e ogni soluzione proposta, aggiunge Brescia, “dovrà rispondere ai principi di personalità, uguaglianza, libertà e segretezza del voto, sanciti dall’articolo 48 della Costituzione”. Il deputato Cinquestelle da diverso tempo spinge sul voto elettronico: “Centinaia di migliaia di studenti e lavoratori fuorisede sono costretti a lunghi viaggi per tornare nel proprio di comune di residenza ed esercitare un diritto costituzionale”.

La sperimentazione del voto in via digitale non sostituirà comunque il voto cartaceo. Nel caso si scegliesse il modello dell’urna digitale, come già avvenuto in Lombardia con i famosi tablet, “la sperimentazione potrebbe riguardare gli elettori, su base volontaria, in un numero limitato di comuni”, spiega Brescia. Se invece lo scopo sarà anche quello di evitare gli assembramenti ai seggi, allora il modello scelto potrebbe essere quello del voto tramite un’applicazione.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanità lombarda, guai a parlarne in Parlamento! Scatta la censura (e qualcuno alza pure le mani)

next
Articolo Successivo

Elezioni, Cangini e Pagano (FI) ricevuti da Conte “Espressi dubbi su election day. No a risparmi su qualità democrazia”

next