Gli effetti collaterali della fama. Dopo gli haters, ora Benedetta Rossi ha dovuto fare i conti anche con chi si è appropriato impropriamente del suo nome. Una truffa a tutti gli effetti è quella che ha denunciato la foodblogger numero uno in Italia: “Vi chiedo di fare attenzione. Da un po’ di tempo circolano su Facebook dei profili che usano il mio nome e promettono la vincita di premi. Non sono io ma sono dei profili finti”, ha scritto la “cuoca per passione” su Facebook, dove ha quasi 6 milioni di seguaci. “Mi raccomando non abboccate, non date i vostri dati o numeri di carta di credito. È una truffa che sta dilagando su Facebook e coinvolge i profili molto grandi, l’unica cosa che vi chiedo è di segnalarlo subito, in questo modo Facebook interviene e lo blocca! Grazie e, anche se non dipende da me, scusate il disagio”.

Non è la prima volta che Benedetta Rossi, la proprietaria del canale “Fatto in Casa da Benedetta”, denuncia un fatto simile. Già a fine dicembre erano comparsi alcuni account falsi, probabilmente dei bot, che promettevano ai suoi fedeli followers di vincere dei premi. “Oggi è il tuo giorno fortunato, guarda il mio profilo e prendi il premio”, era il testo di uno dei messaggi pubblicati allora.

Nonostante tutto, è un periodo assai fortunato per Benedetta Rossi. Complice la quarantena e la sfiziosità delle sue ricette, ad aprile 2020 si è confermata la regina del web con 157 milioni di visualizzazioni sui social (i Me Contro Te, al secondo posto, ne ottengono un terzo: 51 milioni) e più di 8 milioni di interazioni. Un risultato davvero clamoroso ma tutto meritato.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Concerti di Paul McCartney annullati, i fan cantano “Yesterpay”: “Vogliamo il rimborso”

next