“Paul, ho la metà dei soldi in banca che avevo prima/ Mi dicono che posso andare da un’altra parte ma non dicono dove/ Ho pagato per te Paul ma ora vorrei tanto essere rimborsato”. Si intitola “Yesterpay” ed è un brano cantato dai fan di Paul McCartney che avevano comprato i biglietti per i due concerti italiani dell’ex Beatle, a Napoli e a Lucca, ora cancellati. I fan hanno speso cifre abbastanza ingenti per accaparrarsi un posto e ora non vogliono il voucher. Ma il voucher vale esattamente come rimborso a livello legale, come spieghiamo qui.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Benedetta Rossi, la foodblogger avverte: “Non abboccate alle truffe fatte col mio nome. Non sono io”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la superstar Anna Netrebko contro la limitazione degli ingressi nei teatri: “Chi ha fatto queste regole dovrebbe sparire”

next