Addio Shad Gaspard. Il corpo dell’ex stella del wrestling WWE è stato ritrovato da alcuni passanti sulla riva di una spiaggia di Venice Beach dopo tre giorni di ricerche. Il 39enne era andato a nuotare a Marina del Rey assieme al figlio di 10 anni, Aryeh, che si era miracolosamente salvato. Gaspard invece era stato trascinato al largo da una forte corrente e le sue tracce si erano subito perse. È solo da una settimana che nella contea di Los Angeles sono state riaperte le spiagge per l’attività fisica, tra cui il nuoto nell’oceano, dopo il blocco dovuto al coronavirus. Secondo le ricostruzioni fatte dai soccorritori Gaspard stava nuotando col figlio lontano dalla riva quando hanno iniziato a formarsi onde di due metri.Sembrava di stare dentro una lavatrice”, ha dichiarato un componente della Guardia Costiera presente al salvataggio.

Sarebbe stato Gaspard a spingere il figlio tra le mani dei soccorritori dopo averlo salvato per portarlo a riva per prima. Ma questo gesto di amore e generosità gli è costato la vita, perché pochi minuti dopo, al ritorno dei soccorritori l’uomo era scomparso. Gaspard aveva un soprannome nel mondo del wrestling: “the beast” e in coppia con JTG aveva formato il team Cryme Tyme. Il 39enne affogato nell’oceano era stato guardia del corpo di Mike Tyson e Britney Spears, ma anche attore con un piccolo ruolo in Black Panther. È stato così un suo grande amico, ex lottatore pure lui, Dwayne “the rock” Johnson, a dare l’ultimo saluto su Twitter: “I miei pensieri sono per la moglie e per il figlio in questi giorni inimmaginabili”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alba Parietti ricorda Ezio Bosso con una lettera: “Non era facile amarlo, con lui non ho mai potuto decidere niente, sono stata alle sue regole”

next
Articolo Successivo

Figlio le regala un biglietto di una lotteria di beneficenza e vince un quadro di Picasso da un milione: la storia di una 58enne di Ventimiglia

next