Dalla candeggina all’alcol etilico, fino ai ‘pericoli’ dell’acqua del rubinetto e ai presunti benefici del condizionatore al minimo: sono alcune delle fake news smentite dal Ministero della Salute sul suo portale online, nella rubrica “Attenti alle Bufale”. Non solo false, ma anche pericolose: anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha definito il proliferare di fake news sul Covid una vera e propria infodemia. La lista si allunga ogni giorno: sono stati chiamati in causa – senza nessun fondamento – la rete 5G, il miele, gli alcolici e perfino lo yoga. Ecco la lista aggiornata delle bufale più diffuse sul web.

Candeggina – Sulle superfici è un potente disinfettante, ma sulla pelle è corrosivo: uno dei ‘consigli’ che circolano in rete è di spruzzarla sulle parti del corpo che hanno toccato superfici potenzialmente infette. Ma gli esperti avvertono: “può causare irritazioni e danni alla pelle e agli occhi ed esporre al rischio di inalazioni a concentrazioni nocive per la salute”. E anche per fare le pulizie è meglio usarla “nella diluizione adeguata”.

Alcol Etilico – Anche in questo caso, un conto sono le superfici un altro conto è l’organismo: etanolo o metanolo non proteggono dal virus e, se ingeriti in soluzione pura, possono provocare gravi danni.

Barba – La fake news sul fatto che chi ha la barba sul viso è più esposto al rischio di contrarre il virus nasce da una interpretazione errata (e fuori contesto) di una ricerca del 2017 della Centers for Disease Control and Prevention (CDC) e relativa all’uso di mascherine sul lavoro. Forse può causare qualche fastidio in più sotto la mascherina, ma di certo nessun pericolo. “Ovviamente va curata la sua igiene e va regolata – spiegano i medici – quando si indossa la mascherina, in modo che aderisca bene al viso, ma non vi sono attualmente evidenze che tagliarsi la barba aiuti ad evitare il contagio”.

Condizionatore – In vista della stagione estiva si discute molto sull’aria emessa dai condizionatori, se sia o no veicolo di contagio. Però, avvertono dal Ministero, non c’è nessuna evidenza scientifica a sostegno della tesi per cui andrebbe regolato sempre sulla temperatura più bassa. Così come non c’è alcuna dimostrazione dell’utilità del bere acqua molto calda o fare un bagno bollente nel prevenire il Covid.

Acqua del rubinetto – Non è pericolosa: si può bere tranquillamente perché i metodi convenzionali di trattamento che utilizzano filtrazione e disinfezione sono efficaci nell’abbattimento del virus.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lodi, costringevano gli autisti a guidare fino a 20 ore di fila. Indagati cinque titolari dell’azienda di autotrasporti Plozzer

next