Non ha nascosto la rabbia per quanto accaduto Christian Vieri, pubblicando su Instagram uno sfogo in cui annuncia di aver denunciato tutti coloro che hanno violato la privacy della sua famiglia. “Bobo” e la compagna Costanza Caracciolo sono appena diventati genitori della loro secondogenita Isabel e condividono sui loro profili social tanti momenti di vita quotidiana insieme alle figlie, stando però sempre attenti a riprenderle di spalle o a coprire i loro volti con emoticons e apposite sfocature, per garantire la massima tutela visto che sono minori.

Nonostante questo però, qualcuno è riuscito a rendere riconoscibile il volto della loro primogenita Stella e a pubblicarlo sui social senza autorizzazione, cosa che ha mandato giustamente su tutte le furie Vieri. “Buongiorno a tutti, dopo la grave violazione della privacy, perpetrata nei confronti della nostra famiglia, che ha visto la pubblicazione non autorizzata di fotografie di nostra figlia Stella, abbiamo deciso di procedere legalmente nei confronti di chi ha pubblicato le foto senza autorizzazione – ha scritto l’ex calciatore -. Ci teniamo a dire che ci tuteleremo in ogni sede e che non tollereremo chi invaderà, senza permesso, la nostra privacy, esponendo le nostre figlie ai pericoli di internet. Un saluto a tutti”, ha concluso firmando il post a nome suo e di Costanza Caracciolo.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Christian Vieri (@christianvieri) in data:

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Concerti e spettacoli live. Cambia tutto: ecco le nuove regole

next
Articolo Successivo

Ezio Bosso e l’amore con Anna Maria “l’intoccabile”: chi è l’assistente personale del maestro sua compagna per tutta la vita

next