Come è gestita nelle vostre città l’emergenza Coronavirus? Come si comportano le autorità e i cittadini? E nelle vostre vite, c’è qualche aspetto positivo o inatteso nell’isolamento forzato? Abbiamo chiesto ai nostri Sostenitori di raccontarcelo, inviando testimonianze, osservazioni e spunti per la redazione al Blog Sostenitore. Mai come stavolta il contributo della nostra comunità è fondamentale: con il Paese in zona rossa, ogni segnalazione è importante. Abbiamo bisogno di voi. Sosteneteci: se non siete ancora iscritti, ecco come potete farlo.

di Enrico Picone

Il Covid-19 si è portato via anche le chiacchiere sportive che ci intrattenevano con il gusto della competizione. Restano domande che in tempi di pace quasi mai trovano una risposta e che tornano alla mente quando siamo privati di qualcosa: “Perché amo il calcio?”. Lo scopo di porci una domanda simile in un momento di incertezza è quello di recuperare una delle poche cose certe della vita: la passione per la squadra che amo. Dobbiamo tornare a sentire il tifo che in molti di noi si è assopito tra noia e dispiaceri.

Per questo ci occorre fare un salto indietro nel tempo. Nulla di eccezionale, è sufficiente fermarsi all’anno 2016, quando il Leicester di Claudio Ranieri, l’Italia di Antonio Conte e l’Islanda di Heimir Hallgrímsson compirono tre grandiosi imprese, ma non tutte storiche. Perché è inutile negarlo, nel calcio la storia la scrivi solo se fai risultato. Ci ricordano che il parallelismo tra il calcio dei petrodollari e il calcio dei comuni mortali non si compie solo nell’ambigua questione del Fair Play finanziario, ma trova una romantica rappresentazione sul campo di gioco.

Il 2016 ha visto trionfare il Leicester nel campionato più ricco e competitivo al mondo. Una squadra che la stagione precedente aveva lottato per la salvezza dopo dieci anni di assenza dalla Premier, e che tantomeno è mai stata coinvolta nello scialacquamento imbarazzante dei milioni spesi sul mercato. Ad alzare la coppa non è stato Aguero né tantomeno Pogba, bensì Vardy Mahrez e gli altri protagonisti che vantano stipendi da massima competizione ma che non sbalordiscono in confronto a quelli di Messi e Ronaldo.

L’Italia di Conte si è presentata agli Europei con Emanuele Giaccherini, e proprio lui ci ha fatto alzare dal divano per accompagnarlo verso la porta di Courtois. Che sofferenza con l’Ucraina, ma che gloria contro la Spagna. Poi i rigori scellerati di Zaza e Pellè, entrati a gamba tesa sul destino della Nazionale che nei sarebbe poi svanita nel suo medioevo contro ogni previsione.

E poi l’Islanda. L’haka dei giocatori dopo aver conquistato i quarti battendo l’Inghilterra è stata la dimostrazione che il rapporto con la propria nazionale può conoscere forme commoventi. Chissà quanti conoscenti diretti dei giocatori dovevano esserci in quella bolgia rossoblù, che fa pensare più a un rapporto di vicinato che non di vicinanza con la propria squadra.

Il calcio mi riguarda come cittadino in quanto fenomeno sociale intrecciato innegabilmente con la nostra vita politica, economica e culturale. Non si può pretendere di lasciare la politica fuori da esso, perché è storicamente anche un fatto politico. Il mondiale 1998 volle significare la vittoria di una nazionale “black-blanc-beur”. Oggi l’integrazione appare quasi come un miraggio, e i calciatori lanciano appelli affinché il calcio resti incontaminato da ogni ingerenza politica. E se la soluzione fosse quella di appellarsi alla politica affinché si riconosca che il calcio, proprio perché fenomeno politico e sociale, vuole fondarsi sui principi di eguaglianza e solidarietà?

Nel 2015 a Wembley, quando ancora resisteva l’etichetta “generazione Bataclan”, gli inglesi cantavano la Marsigliese a fianco dei francesi prima del match. Un momento toccante in cui venne messa da parte la rivalità culturale tra le due nazioni. Eppure a Euro 2016 gli scontri di Marsiglia e Lilla significarono un’altra occasiona persa: quella di unire il popolo europeo attorno al dolore e alle paure del terrorismo.

Il calcio è un fenomeno umano, e come tale può metterci contro, ma si è fatto tanto e si può fare ancora di più per preservarlo nella giustezza politica, sociale e sportiva. In fondo, amo il calcio perché mi consente di rispettare l’avversario, perché ho una maglia con cui asciugare lacrime di gioia e di dolore, perché mi ha dato idoli da venerare e modelli da seguire, perché mi piace cantare stonando, perché è un gioco stracolmo di metafore sulla vita che non mi stancano mai. Andrà tutto bene, ma quando arriverà il momento, facciamoci trovare pronti.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giuseppe Giannini e quel triste addio alla Roma: il 17 maggio 2000 gli ultras rovinarono la partita di saluto. E l’anno dopo fu scudetto

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la Bundesliga e le contraddizioni del calcio nella pandemia: sport di contatto in cui è vietato abbracciarsi dopo un gol

next