Un osservatorio che racconti e documenti la spesso difficile relazione fra maternità e mercato del lavoro. È questa l’intenzione di Osservatorio Mamme che lavorano, nato all’interno di Progetto Donne e Futuro. Ideato dall’avvocato Cristina Rossello, vuole favorire il conseguimento delle pari opportunità e promuovere l’immagine delle donne che si sono distinte nei rispettivi ambiti di attività. Attraverso l’invio periodico di una newsletter, l’Osservatorio fornirà dati e analisi su tutto ciò che ostacola o favorisce l’ingresso delle donne nel mondo del lavoro.

Saranno proprio le donne, ad esempio, a essere le più colpite dalle conseguenze che il coronavirus lascerà sull’economia. Lo dice il report dell’Ocse (l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) Donne al centro della battaglia contro Covid-19 a cui fa riferimento la newsletter di Osservatorio mamme che lavorano. L’occupazione femminile è infatti concentrata in molti settori che più di altri stanno subendo l’impatto del lockdown. Due su tutti: commercio e turismo. Questi ambiti occupano l’84,7% delle donne più giovani e l’83,4 % di quelle dai 35 anni in su. Tra gli uomini questa percentuale scende rispettivamente al 60 % e al 59,3 %.

Più nel dettaglio, le donne rappresentano nel mondo il 47% della forza lavoro nel trasporto aereo, il 53% nei servizi di ristorazione, e il 60% nell’ambito dell’accomodation service. In media, nel commercio al dettaglio, il 62% del personale è femminile, con picchi che sfiorano il 75% in Lettonia, Lituania e Polonia.

Un altro esempio è l’industria dell’abbigliamento, ferma da settimane per quanto riguarda sia l’offerta e la produzione che la domanda. Un settore in cui le donne sono molto rappresentate: oltre tre quarti della forza lavoro nel mondo.

Inoltre, sottolinea l’Osservatorio, vanno aggiunti due fattori. Primo: le donne sono più vulnerabili degli uomini a qualsiasi perdita di reddito perché i loro stipendi, sono, in media, inferiori a quelli degli uomini e il loro tasso di povertà sono più alto. Secondo: le donne di solito incontrano più difficoltà a trovare un impiego alternativo dopo il licenziamento a causa del loro maggiore impegno nella cura dei familiari, bambini o anziani. Il mondo dei cosiddetti caregiver, infatti, è soprattutto femminile.

Per quanto riguarda l’Italia, a questo quadro si sovrappone una disparità fra Nord e Sud. Secondo i dati dell’Osservatorio, sono penalizzate in particolare le giovani donne del meridione, occupate per il 41,6 % a tempo determinato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Troppo bassa per entrare nei vigili del fuoco, Italia condannata dall’Onu: “Violati i suoi diritti”

next
Articolo Successivo

Race for the cure, la maratona di beneficenza quest’anno è “a distanza”. Domenica speciale di 4 pagine sul Fatto e diretta live sul Fatto.it

next