Come è gestita nelle vostre città l’emergenza Coronavirus? Come si comportano le autorità e i cittadini? E nelle vostre vite, c’è qualche aspetto positivo o inatteso nell’isolamento forzato? Abbiamo chiesto ai nostri Sostenitori di raccontarcelo, inviando testimonianze, osservazioni e spunti per la redazione al Blog Sostenitore. Mai come stavolta il contributo della nostra comunità è fondamentale: con il Paese in zona rossa, ogni segnalazione è importante. Abbiamo bisogno di voi. Sosteneteci: se non siete ancora iscritti, ecco come potete farlo.

di Andrea Taffi

Sono contento che, con il decreto Rilancio, il governo abbia deciso di regolarizzare tutti quei lavoratori extracomunitari impiegati nei campi nella raccolta di frutta e verdura. Sono contento che la ministra dell’agricoltura Teresa Bellanova, nel dare l’annuncio durante la conferenza stampa, si sia commossa e che abbia avuto la forza e il coraggio di definire quei lavoratori come invisibili, che il decreto del Governo ha (finalmente) reso meno invisibili.

Sono un po’ meno contento, invece, che tutto questo sia stato fatto solo adesso, solo perché l’emergenza da coronavirus ha reso impossibile allo Stato italiano di far finta di niente, di non vedere quei lavoratori, che adesso si ha anche il coraggio di definire schiavi.

Di quei lavoratori c’è sempre stato bisogno per far giungere sulle nostre tavole frutta e verdura, eppure (a me questo sembra) era come se i nostri governanti (gli attuali, quelli di prima e di prima ancora) pensassero che quei prodotti della terra giungessero da soli dentro ai nostri piatti.

Evidentemente non era così, ma lo Stato italiano poteva permettersi di crederlo, di fare finta di niente, perché nessuno poteva nemmeno pensare di andare sui quei campi e bloccare quella forma di moderna schiavitù, che oggi, in tempo di coronavirus, si ha il coraggio di riconoscere.

Quando l’emergenza da Covid-19 ha giustificato il blocco di quei lavoratori e, di conseguenza, si è palesata l’emergenza economica e sociale che ne sarebbe derivata, ossia il blocco della raccolta e della successiva commercializzazione dei prodotti della terra, gli invisibili sono improvvisamente diventati visibili.

Visibili e udibili; sì, perché le loro sacrosante proteste di sfruttamento sono state inevitabilmente sentite e ascoltate. Non si poteva fare diversamente, ed è stato giusto così, visto che c’erano in ballo anche questioni sanitarie e sociali.

Io non la penso come Salvini, e per me la commozione della ministra Bellanova è lontano mille miglia da quella della Fornero, alla quale il leader della Lega l’ha subito e banalmente paragonata. Tuttavia, avrei tanto voluto vedere sgorgare quella commozione prima, molto prima di quando l’ho vista, da parte della stessa ministra o di qualche altro del suo partito o di quella sana sinistra alla quale la Bellanova rivendica appartenenza.

Meglio tardi che mai, ma adesso, fatti comparire gli invisibili, trasformati quelli in lavoratori con diritti e dignità, si abbia anche la forza, il coraggio di combattere gli schiavisti, di annientare il caporalato, di impedire lo sfruttamento a danno di lavoratori, stranieri o italiani che siano. Si abbia la forza e il coraggio di fare in modo che questi lavoratori non vivano più in baraccopoli ai margini dei campi di lavoro e dell’Italia.

Il decreto Rilancio ci ha finalmente aperto gli occhi, adesso evitiamo di richiuderli, quegli occhi, anche quando il coronavirus non ci sarà più.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto Rilancio, sui contratti a termine deroga al decreto Dignità: fino al 30 agosto via libera a proroghe e rinnovi senza causale

next
Articolo Successivo

Coronavirus, i negozianti dei centri commerciali a Sono le Venti (Nove): “Troppi costi, molti di noi non riapriranno”

next