Via libera all’indagine su 150mila persone con i test sierologici. Con l’approvazione nella notte tra sabato e domenica del decreto che dà l’ok definitivo, partiranno le chiamate alle persone selezionate per il campione Istat. A sbloccare il dl è stata la modifica con le indicazione del Garante alla privacy sollecitata dal ministro Roberto Speranza.

Adesso è davvero questione di giorni. “Uno, al massimo due e si partirà con telefonate e prelievo”, assicurano dal ministero della Salute. Le ‘chiamate’ alle persone selezionate per rendere il campione affidabile saranno gestiste da un call center di 300 persone della Croce rossa che è già pronto, si è appreso, e “a breve” cominceranno i primi prelievi. Sono anche stati individuati tutti i laboratori in ogni regione per gli esami e alle persone fragili sarà garantito di potranno fare il prelievo a domicilio.

Il campione che sarà sottoposto al test dell’americana Abbott è stato scelto dall’Istat su base regionale – nel Lazio, per esempio, le persone selezionate sono 10mila, più 5mila a Roma – e diviso anche per fasce d’età: da zero anni a 17, da 18 a 34, da 35 a 49, da 50 a 59, da 60 a 69 e da 70 e più anni.

“È fondamentale che le persone estratte a caso nel campione partecipino perché più chi è stato estratto nel campione parteciperà, più i risultati saranno precisi”, aveva spiegato a fine aprile l’Istat precisando che “non c’è l’obbligo di partecipare” ma “visto che si tratta di scoprire se abbiamo sviluppato gli anticorpi prendere parte è un bene per il singolo e la comunità intera”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genova, incidente nel cantiere del nuovo Ponte Morandi: gru trancia un cavo dell’alta tensione, boato e un black out temporaneo

next
Articolo Successivo

Silvia Romano è tornata in Italia. “Sono felicissima, voglio stare con la mia famiglia”. Poi in Procura per l’interrogatorio. Conte: “Eravamo in dirittura d’arrivo da mesi” – FOTO

next