Una puntata dell’ottava edizione spagnola di Masterchef, in onda il 4 maggio, resterà nella storia della trasmissione: una concorrente si è presentata davanti ai giudici con una pernice cruda, ancora da spennare, al termine del Pressure Test. Una protesta animalista? No, Saray, questo il nome della concorrente, ha deciso di insorgere per il poco tempo a disposizione per pulire l’animale, solo venti minuti, cosa che le faceva disgusto.

La concorrente è stata richiamata dallo chef Jordi Cruz, in giuria con Samantha Vallejo-Nagera e Pepe Rodriguez: “Mai mi ero trovato in una situazione del genere in otto anni di programma. Presentarti qui con una pernice morta, in questa maniera, non è solo una mancanza di rispetto nei miei confronti, ma lo è nei confronti dei tuoi compagni, che hanno avuto il tuo stesso compito e il tuo stesso tempo e sono riusciti a portare a termine la prova. E’ una mancanza di rispetto verso i 28.000 aspiranti concorrenti che si sono presentati ai provini e hanno provato con tutte le loro forze a entrare nel programma. Qualsiasi siano le tue ragioni non hai giustificazioni”.

La concorrente al termine della Mystery Box si era rivolta a Cruz con tono di sfida: “Amico ascoltami, non mi sembra giusto come mi stai trattando. Che fai, mi cacci?“, Saray è infatti stata espulsa dal programma mentre lo chef ha fatto autocritica: “La verità è che abbiamo sbagliato noi. Ha sbagliato il programma a sceglierti, a puntare su di te. Penso che farti entrare sia stato il più grande errore di sempre nella storia del programma“. Saray, assistente sociale a Cordoba, aveva convinto ai provini anche grazie alla sua storia raccontata tra le lacrime: non è mai stata accettata dai suoi fratelli per la sua transessualità, tanto da averle negate di vedere i suoi nipoti. Un volto non del tutto sconosciuto al pubblico spagnolo, nel 2017 aveva partecipato alla versione spagnola di Matrimonio a Prima Vista, quando non aveva ancora iniziato la sua transizione e si faceva chiamare Jesus Carillo.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Superluna, il 7 maggio la Luna sarà “più grande del 6% rispetto al normale”: è l’ultima del 2020

next
Articolo Successivo

El Melali, il giocatore si masturba in cortile dopo il rinnovo del contratto: i vicini chiamano la polizia

next