Oltre 30 minuti di chiacchiere e battute fra due amici e due showman che si conosco e fanno da spalla l’uno all’altro. Oltre trenta minuti in diretta su Instagram in cui ricordano il riuscitissimo Festival di Sanremo 2020 tra risate e riflessioni in leggerezza e in cui Amadeus cerca di convincere Fiorello ad esserci per la seconda volta perché quello che verrà sarà un inedito, il primo Festival dopo il coronavirus. E alla fine, proprio alla fine, nell’ultimo secondo prima che la telecamerina del pc di Fiore si chiuda, Amadeus la spunta: “Mi convincerà pure quest’anno. Beh, potrebbe essere la mia ultima cosa. Ecco, mi è venuta questa idea adesso! Faccio Sanremo, come va va e chiudo la carriera. Tanto non è che devo rimanere lì fino a 80 anni. Già è pure troppo. Largo ai giovani e io me ne vado. Largo ai giovani! Chiudo e basta. Una bella idea!”

Fiorello ha poi parlato del caso Bugo e Morgan, esploso proprio a Sanremo 2020, rivelando come sono andate le cose quella sera: “Io ero lì dietro le quinte, tranquillo, mangiavo rilassato – ha rivelato Fiorello, ricordando quel momento -. Non stavo guardando la televisione. A un certo punto uno degli autori, Clericetti, che mi dice: “È successo qualcosa!”. Siccome si era sentito male l’assistente di studio, ho pensato che si fosse sentito male un altro!”.

“Sono entrato sul palco con questa convinzione, tu eri nel panico – ha aggiunto rivolto ad Amadeus -. Per questo ho detto “Chi si è sentito male?”. La cosa bella è che quando sono uscito a controllare, ho trovato Morgan, che scendeva dalle scale, era agitatissimo e continuava a dirmi “Non ho il fiatone”! Ti rendi conto che a quel festival è successo di tutto – ha aggiunto Fiorello -, dalle polemiche per “il passo indietro”, Junior Cally… Come fai a rifare Sanremo, non sarà mai meglio di quello. Cosa possiamo fare di più? Noi abbiamo riunito i Ricchi e Poveri! Li possiamo distruggere, li riportiamo sul palco con il distanziamento sociale”.

Sanremo 2021 con Fiorello dunque si farà, ma Amadeus dovrà sottostare ad alcune richieste che lo showman ha già espresso. “Tu mi devi promettere che qualsiasi cosa ti dirò di fare, la farai – ha detto -. Prepara già delle mutande a pantaloncino con scritto Ariston davanti e Bugo dietro. Ma Bugo e Morgan devono esserci anche il prossimo anno! Non dico che devono fare pace, ma ci devono essere in qualche modo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la scheda: fase 2 al via, ecco chi riapre e cosa si può fare

next