“Lady Diana ha tentato il suicidio quattro volte“. È la rivelazione fatta da “Being Me: Diana” la nuova docu-serie in uscita (forse su Netflix) sulla vita della “Principessa triste”, secondo cui lei “ha provato ad uccidersi” in più occasioni: una ricostruzione che – stando ai tabloid britannici – “manderà su tutte le furie” i figli William e Harry.

Ad annunciarlo è il Sun, che scrive che questo nuovo documentario indagherà i “fantasmi” interiori, ma non solo che assillavano Diana, morta tragicamente in un incidente stradale a Parigi nell’agosto del 1997. “‘Being Me: Diana‘ ripercorrerà la vita di Lady D – scrive il tabloid – dall’infanzia complicata ai disturbi alimentari, fino all’infelice matrimonio con Carlo”, facendo emergere un dettaglio inquietante: “Diana per quattro volte ha tentato il suicidio”. Ancora non si sanno ulteriori particolari a riguardo e il Sun non dice né come, né quando, né perché: bisogna aspettare l’uscita del documentario per saperne di più.

In realtà il doc sarà strutturato come una serie, firmata da DSP e basata sulle testimonianze di amici di Diana e filmati d’epoca. Indiscrezioni rivelano che potrebbe essere trasmesso da Netflix, ma al momento non ci sono conferme ufficiali anche perché questa eventualità potrebbe compromettere i rapporti tra la piattaforma di streaming e il principe Harry. Ne è convinto il Sun, che – citando una fonte – afferma che “in un momento già complicato per la famiglia Windsor, questa serie turberà Harry e William, mandandoli su tutte le furie”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Paola Perego confessa: “Gli attacchi di panico mi hanno perseguitata per più di 25 anni, ecco come li ho sconfitti”

next
Articolo Successivo

“In coda per un Big Mac: auto in fila per un’ora a Latina per andare da McDonald’s”

next