Non sorprende che il settore del lusso sia quello economicamente meno intaccato dalla pandemia da Covid-19. Così, mentre la maggior parte dei costruttori si lecca le ferite e guarda con circospezione al futuro, alla Ferrari il bilancio del primo trimestre 2020 non è stato così negativo, considerato il periodo. Tuttavia, la Casa emiliana ha rivisto al ribasso le prospettive per l’intero 2020 in virtù di un secondo trimestre che si preannuncia in chiaro-scuro.

Le consegne nei primi tre mesi dell’anno sono cresciute del 4,9% a quota 2.738 unità. A sostenere la crescita sono stati i modelli a otto cilindri, che hanno fatto segnare un +5,7%, mentre i modelli a 12 cilindri hanno contribuito con un incremento del 2,4%. Crescono le consegne nella regione Europa-Medioriente, che ha fatto segnare un +25,4%, e quella della Americhe, +4,2%. Mentre in Cina, Hong Kong e Taiwan c’è stato un calo dovuto alla strategia del costruttore di anticipare le consegne previste al 2019. Meglio la regione dell’Asia-Pacifico, in salita del 23,2%.

Praticamente stazionari i ricavi netti a quota 932 milioni di euro, con una flessione minima dell’1%. La vendita di auto e componentistica di ricambio è salita del 7,3% a 788 milioni, ma sono scesi i ricavi derivanti dalla fabbricazione di motori (-44,2% a 33 milioni) per la progressiva dismissione della fornitura a Maserati, che nel futuro a breve termine avrà motorizzazioni proprie e non più prodotte a Maranello. In picchiata anche sponsorizzazioni, proventi commerciali e relativi al marchio (-30% a 89 milioni), azzoppati soprattutto dalla sospensione della stagione di Formula 1.

Lo stop delle competizioni, l’aumento degli oneri industriali per gli ammortamenti e l’interruzione delle attività produttive hanno comportato un calo dell’utile operativo del 5,2% a 220 milioni, mentre i profitti si sono attestati a 166 milioni, il 14% in meno rispetto al 2019. Il flusso di cassa è stato di 73 milioni di euro (anche per via dei 174 milioni di euro spesi in immobilizzazione). Raddoppiato l’indebitamento industriale netto, passato da 192 milioni a 401 milioni, mentre la liquidità disponibile ha raggiunto gli 1,23 miliardi (più altri 350 milioni derivanti da linee di credito predisposte ad aprile).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la scheda: fase 2 al via, ecco chi riapre e cosa si può fare

next
Articolo Successivo

Fca, nel primo trimestre persi 1,7 miliardi di euro. Manley: “Supereremo questa crisi”

next