L’Oms, già finita nel mirino di Donald Trump perché accusata di essere filocinese, reagisce alle ultime uscite dell’amministrazione Usa sulle origini di Sar Cov 2 con durezza. “Da tutte le prove viste, più di 15.000 sequenze genetiche, ritengo che questo virus sia di origine animale” dice Maria Van Kerkhove dell’Oms commentando le ultime dichiarazioni del segretario di Stato Usa Mike Pompeo secondo il quale il virus potrebbe essere nato in laboratorio cinese. “C’è un legame coi pipistrelli dobbiamo capire l’ospite intermedio“.

Una tesi quella del virus creato in laboratorio smentita da mesi dalla comunità scientifica e anche dalla stessa intelligence Usa. Ma l’ipotesi che il virus – che ha contagiato oltre 3 milioni e mezzo di persone e provocato 250mila morti – possa essere di origine sintetica, continua a essere esposta dall’inquilino della Casa Bianca. Consapevole di un declino, sancito dai sondaggi, a un soffio delle presidenziali di novembre Trump le sta provando tutte per concentrare l’attenzione sul nemico esterno.

Il capo del programma di emergenze sanitarie dell’Organizzazione mondiale della sanità, Mike Ryan, poi rispondendo a una domanda sulle tesi di Pompeo (già propinata dal presidente Usa la settimana scorsa) spiega: “Possiamo imparare dagli scienziati cinesi e scambiarci conoscenze” ma se questo “diventa un’indagine aggressiva verso un comportamento sbagliato allora è un problema politico, non scientifico. La scienza dev’essere al centro e una ricerca su basi scientifiche sulle origini del virus sarebbe di beneficio per tutti”. Gli esperti dell’Oms, nel corso del consueto briefing, hanno definito come “speculazioni” le teorie circa un’origine in un laboratorio cinese del coronavirus e hanno sottolineato di non avere ricevuto alcuna prova in questo senso da parte degli Stati Uniti.

“Dal nostro punto di vista, questo rimane speculativo – dichiara Ryan – Ma come qualsiasi organizzazione che si basa su prove, saremmo pronti a ricevere qualsiasi informazione sull’origine del virus. Se tali dati e prove sono disponibili, spetterà al governo degli Stati Uniti decidere se e quando possono essere condivisi. Ma è difficile per l’Oms operare in un vuoto di informazioni su questo specifico aspetto”.

Anche gli 007 Usa “concordano con il largo consenso scientifico che il virus non è stato prodotto dall’uomo o geneticamente modificato“ aveva fatto sapere la National intelligence (Dni), che coordina tutte le agenzie del settore, un paio di giorni fa. Anche se assicurava che “continuerà ad esaminare rigorosamente le informazioni che emergeranno per determinare se la diffusione è cominciata tramite contatto con animali infetti o se è il risultato di un incidente di laboratorio”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, in Spagna e Germania rallentano i contagi. Proiezioni Usa: “Con riapertura i morti raddoppieranno”. Rinviato al 2021 Expo di Dubai, in Brasile oltre 7mila decessi

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la ‘prima linea’ che unisce chi lotta contro il virus e chi contro il sistema. Qui e in Cile

next