Stamane alla fabbrica torinese di Mirafiori non è una giornata come le altre: l’unico turno di lavoro, in programma dalle 8 alle 16, ha sancito ufficialmente il ritorno dello stabilimento alle attività produttive dopo lo stop causato dalla pandemia. Un lento e progressivo riavvio delle catene di montaggio che, però, è strettamente legato alle procedure di sicurezza per i dipendenti dell’impianto: a questi ultimi è richiesto di entrare nel complesso uno alla volta, da un unico ingresso, superando un “filtro”.

Ovvero, una tensostruttura dove viene controllata la temperatura corporea con una telecamera termica e con il termo-scanner: chi ha più di 37,5° viene sottoposto a un secondo controllo in un apposito gazebo e, se necessario, mandato a casa. Per tutti gli altri, invece, c’è un kit per ridurre ulteriormente il rischio di contagio, composto con due mascherine, guanti monouso e una brochure con le regole sulla sicurezza. La prima tranche comprende 250 lavoratori delle Carrozzerie di Mirafiori, mentre saranno 6 mila quelli che torneranno a lavorare alla Sevel di Val di Sangro, dove viene fabbricato il veicolo commerciale Ducato.

“È positivo il ritorno alla normalità in modo progressivo e con i necessari interventi sulle postazioni di lavoro per tutelare la salute di lavoratrici e lavoratori. Continueremo a monitorare la situazione, ma uno strumento certamente utile per gestire la ripartenza è il protocollo specifico che abbiamo siglato nei giorni scorsi con l’azienda”, commenta Luigi Paone, segretario generale della Uilm Torino.

Al sindacato, insieme alle sigle Fim e Fiom, sono state illustrate le regole per il rientro all’operatività. Oggi i lavoratori seguiranno un corso di formazione e mercoledì prossimo ci sarà un nuovo incontro per verificare che tutto proceda secondo gli standard prestabiliti: fra questi rientrano la costante sanificazione degli spazi comuni – bagni, spogliatoi, aree relax e mense, dove il cibo sarà consegnato in sacchetti sigillati –, nonché il rispetto della distanza di sicurezza.

Infine, il riavvio delle attività a Mirafiori coincide con un’altra tappa importante per Fiat: l’inizio della produzione della 500 elettrica, modello di fondamentale importanza per il futuro del marchio italiano. Gli addetti alla produzione riprenderanno le attività proprio a partire dalla preserie del veicolo, in attesa di avviarne la fabbricazione su larga scala nelle prossime settimane.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Concessionarie auto, si riapre il 4 maggio ma con diverse novità. Ecco quali

next