“C’è un problema politico: Conte non rappresenta niente e nessuno. Ha rappresentato soltanto una decisione, a suo tempo chiesta da M5s e Lega, e poi incautamente accettata dal presidente della Repubblica”. Sono le parole pronunciate a “Omnibus” (La7) da Ernesto Galli Della Loggia, storico ed editorialista del Corriere della Sera, parlando del presidente del Consiglio che negli ultimi sondaggi è al 60% di preferenze. Sergio Mattarella, “accettando” il nome di Giuseppe Conte, ha applicato la Costituzione, arrivando invece a rifiutare, con un’azione senza precedenti, la nomina a ministro dell’Economia di Paolo Savona.

E aggiunge: ”Conte cerca disperatamente di costruirsi un ruolo politico e una base politica. Ci sono anche notizie di suoi tentativi di costruirsi un polo para-cattolico. Naturalmente la comunicazione politica aiuta moltissimo a costruirsi un’immagine e un seguito. Conte è il trionfo dell’anomalia politica italiana, perché a presiedere il governo c’è un signore assolutamente sconosciuto. È un’anomalia assurda e pazzesca del sistema politico – continua – incautamente accettata dal presidente della Repubblica e ancora più incautamente accettata quando c’è stato il Conte bis. Abbiamo avuto un signore non solo assolutamente conosciuto, ma candidatosi a presiedere una qualsiasi maggioranza, una cosa che contraddice profondamente la ragione d’essere delle democrazie parlamentari. E il risultato è poi che il poveretto sta lì, ogni momento che può, alla televisione a dire: ‘Guardate che esisto io, io, io’”.

A Galli Della Loggia replica Graziano Delrio, capogruppo Pd alla Camera: “Il presidente del Consiglio è stato espresso dal M5s come mediazione del partito di maggioranza. Quindi, rappresenta una sensibilità di quel tipo dentro il M5s, che aveva anche altre leadership. È chiaro che alcune scelte che fa il presidente del Consiglio e la sua permanenza nel governo dipendono dal fatto che il partito di maggioranza in Parlamento è un partito che ha espresso Giuseppe Conte. Non c’è alcuna anomalia rispetto al Parlamento. Su questo non mi sento d’accordo con lei”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Galli su La7: “Riapertura scuole non è priorità, decisione di Macron è demagogica. Test rapidi? Vanno fatti, possibilmente gratis”

next
Articolo Successivo

Annalisa Chirico a La7: “Parole di Vittorio Feltri sui meridionali? Popolo più debole economicamente rischia di essere moralmente inferiore”

next