“Non soffrono di complessi di inferiorità, in molti casi sono inferiori”. Gli insulti di Vittorio Feltri ai meridionali finiscono all’attenzione dell’Ordine dei Giornalisti e portano il senatore Sandro Ruotolo e lo scrittore Maurizio De Giovanni ad agire in sede civile e penale.

Durante la trasmissione Fuori dal coro su Rete Quattro, il direttore editoriale di Libero ha insultato i cittadini meridionali e, riferendosi alla Campania, ha aggiunto: “Perché mai dovremmo andarci? A fare i parcheggiatori abusivi?”. Di fronte alla precisazione del conduttore Mario Giordano (“Eh addirittura, adesso me li fai arrabbiare davvero. No direttore, non puoi dirlo questo”), Feltri ha proseguito: “E chi se ne frega, si arrabbino. Ma chi se ne frega se si arrabbiano. Secondo me si arrabbiano tutti i giorni, mi insultano, mi augurano di morire”.

Le frasi del giornalista hanno provocato la reazione dell’Ordine dei giornalisti: “I comportamenti di questo signore rischino di travolgere l’immagine dell’intera categoria dei giornalisti italiani, che è mio dovere tutelare, a tal fine sarà dato mandato a un legale”, ha annunciato Carlo Verna, presidente del Consiglio nazionale dell’Odg.

“Credo – ha aggiunto Verna – che il nostro codice preveda una sorta di fattispecie di ‘incauta ospitata’ a carico dei conduttori delle trasmissioni che pure saranno deferiti ai Consigli di disciplina qualora non si dissocino fermamente come la Carta dei doveri dei giornalisti esige”. Se Feltri, conclude Verna riferendosi a Giordano, “ha perso prima la lucidità e poi la bussola, forse perché nella sua ossessione inconsciamente subisce l’idea che l’abbia inventata l’amalfitano Flavio Gioia, non saranno tollerate complicità”.

In sede civile e penale hanno annunciato di voler procedere anche il senatore e giornalista Sandro Ruotolo e lo scrittore Maurizio De Giovanni per tutelare i “diritti fondamentali delle persone della Campania e del Meridione d’Italia gravemente lesi” dalle frasi del giornalista. Un’azione giudiziaria ai sensi della legge Mancino del 1993 che punisce le manifestazioni di odio anche verbale nei confronti delle persone. “A Feltri – commentano Ruotolo e De Giovanni – occorre ricordare i due fondamentali articoli della Costituzione: l’art. 3 e l’art. 2. Farebbe bene a studiare la storia del nostro Paese, anche prima dell’Unità d’Italia, e così potrà scoprire quanto poco inferiori siano i Campani e i Meridionali in generale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Immuni, non la scarichi? Allora non ti muovi

next
Articolo Successivo

Gedi, Verdelli via da Repubblica: Molinari nuovo direttore. Giornalisti in sciopero. Giannini a La Stampa e Feltri all’Huffington. Elkann alla guida del gruppo

next