“È ora di pensare l’impensabile“, titola il Financial Times. E’ la sintesi del pensiero di Emmanuel Macron: intervistato dal quotidiano finanziario nel giorno in cui l’Europarlamento sta votando una risoluzione a favore dei Recovery bond, il presidente francese avverte che l’Ue chiamata a prendere decisioni per rispondere ai danni economici del coronavirus è di fronte a un “momento della verità“. Il momento in cui “decidere se l’Unione europea è un progetto politico o solo un progetto di mercato“. Riecheggiando gli appelli di Giuseppe Conte e Pedro Sanchez alla solidarietà, Macron ammonisce che se non appoggerà le economie più colpite come quella dell’Italia il progetto politico rischia di crollare.

Il presidente francese ricorda che “ogni volta che nella storia abbiamo affrontato una situazione del genere abbiamo fatto errori. Cento anni fa la Francia, dopo la fine della prima Guerra mondiale, disse che la Germania doveva pagare” le riparazioni. “Errore colossale, fatale, che provocò la reazione populista tedesca e l’odio nel resto d’Europa e 15 anni”. Ma “alla fine della Seconda guerra mondiale non ripetemmo l’errore, ci fu il piano Marshall e la gente ne parla ancora oggi”.

“Se ora non facciamo questo – spiega riferendosi al fondo finanziato con debito comune proposto dalla Francia e appoggiato da Roma – io vi dico che i populisti vinceranno. Oggi, domani, dopodomani, in Italia, in Spagna, forse in Francia e altrove. E’ ovvio, diranno se “questi non ci proteggono quando c’è una crisi, non ti proteggono dopo, non c’è solidarietà, quando arrivano i migranti ti dicono di tenerli nel tuo Paese e davanti al virus ti dicono di fare da solo…””. Per lui è esclusa, chiarisce, ogni scelta diversa dalla creazione di un fondo che “possa emettere debito comune con una garanzia comune” per finanziare gli Stati membri in base alle loro necessità e “non in base alla dimensione dell’economia”. Una proposta la cui importanza è stata ribadita anche durante l’Ecofin di oggi da Francia, Italia, Spagna e Portogallo.

I Paesi ricchi hanno una “particolare responsabilità” nei modi di affrontare la crisi, argomenta Macron. Saranno loro a determinare se la Ue è solo “mercato” oppure un progetto politico. “Tutti stiamo dando forti garanzie alle imprese, ma Grecia, Spagna e Italia oggi possono dare gli stessi aiuti di Stato che danno Germania e Olanda? No”. E dopo l’emergenza queste disparità peseranno ancora di più: “Ci vorrà un piano di ripresa coerente dal punto di vista ecologico e sanitario e questo non può essere lasciato al livello nazionale. Angela Merkel e Mark Rutte tengono molto alla nozione di azzardo morale, al fatto che alcuni Paesi hanno fatto sforzi e non possiamo trattarli come gli altri…ma io non sto dicendo di cancellare i debiti del passato, solo che oggi dobbiamo avere un obiettivo comune”.

“Per me la Ue è un progetto politico”, conclude, “abbiamo bisogno di trasferimenti finanziari e solidarietà, solo così l’Europa regge”. Il “fattore umano è la priorità e ci sono nozioni di solidarietà che entrano in gioco, le economie devono essere conseguenti. E non dimentichiamo che l’economia è una scienza morale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la Lagarde ora sembra Draghi: “Bce impegnata a fare qualunque cosa per aiutare l’Eurozona a uscire da questa crisi”

next