“Una crisi eccezionale richiede decisioni e solidarietà eccezionali per lanciare uno stimolo adeguato”: così si apre la proposta francese che punta a creare un nuovo fondo temporaneo, operativo per 5-10 anni, sulla base di garanzie comuni. Al momento rappresenta l’unico compromesso sul tavolo dell’Eurogruppo che tornerà a riunirsi giovedì dopo la fumata nera di ieri: potrebbe essere accettata dalla Germania, magari con qualche dettaglio di meno, e anche dall’Italia, purché ci siano riferimenti chiari a emissioni comuni.

Parigi lo chiama Fondo per la ripresa. “Dovrebbe emettere bond con diverse garanzie comuni degli Stati Ue”, si legge nel documento francese. “Il fondo sarebbe gestito dalla Commissione europea e finanzierebbe programmi designati a rilanciare l’economia in modo coerente con il Green Deal e con la strategia industriale presentata dalla Commissione il 10 marzo, specialmente per contribuire a ricollocare in Europa le catene di valore strategiche“. Questi programmi “potrebbero anche finanziare le spese sanitarie fin tanto che queste aumentino la capacità dei nostri sistemi sanitari di affrontare shock esogeni come il Covid-19″.

I “criteri di eleggibilità per questi programmi dovrebbero riflettere i danni economici frutto dell’epidemia. L’obiettivo è prima di tutto assicurare solidarietà tra i 27 Stati Ue”. Il debito che sarà generato con le nuove emissioni, “potrà essere rimborsato attraverso una nuova, eccezionale fonte come una tassa sulla solidarietà per finanziare la risposta al Coronavirus, oppure le risorse proprie del bilancio Ue“.

Il testo francese non finirà tutto nelle conclusioni dell’Eurogruppo, ma intanto sembra essere passata l’idea di creare un nuovo Fondo, alimentato da risorse comuni. Per Francia e Italia sono emissioni, per l’Olanda nuovi contributi una tantum degli Stati. La Germania vorrebbe restare sul vago e rinviare la discussione sulle modalità a un secondo momento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, von der Leyen annuncia adozione di una roadmap per uscire da restrizioni. Paesi Ue: “Non consultati”. E lei cancella conferenza

next
Articolo Successivo

Covid-19 e debito pubblico: perché la Bce non basta

next