Più chiusi dello spogliatoio dell’arbitro che ha dato 3 rigori alla squadra ospite, riprendiamo le Domeniche Bestiali dopo la parentesi dedicata alla favola congelata del Fasano. Riprendiamo dalle memorie di chi prima o molto prima del coronavirus era destinatario di quella preziosissima materia prima che sono i referti arbitrali. Giudici, osservatori, commissari di campo che ci affidano i loro ricordi: matrimoni saltati per generi che arbitrano male contro i futuri suoceri, bus adibiti a spogliatoi e tanto altro.

ARBITRI DA SCARICARE
Domenico Mucci giudice sportivo fino al 2005 ricorda “gli innumerevoli calciatori che giocavano sotto falso nome” e poi, come categoria fastidiosa, “arbitri che ci marciavano molto: mani poggiate sulla spalla che diventavano aggressioni. Io dovevo squalificare e multare per forza perché fa fede solo il referto, ma poi se scoprivo che mentivano lo dicevo ai vertici arbitrali”. E poi un caso particolare: “Un water otturato in uno spogliatoio. Otturato dai panni dell’arbitro che ci avevano buttato dentro i tifosi inferociti”.

PER ANDARE DOVE DOBBIAMO ANDARE
Trovare campi di provincia speso è impresa ardua per i direttori di gara, sebbene andare ad arbitrare su un isola abbia un iter abbastanza facile: prendi il traghetto o l’aliscafo e arrivi sull’isola. Capita però, come racconta Michele Curto, che una terna arbitrale dovesse andare a dirigere una gara a Capri ma sul traghetto trova una squadra che avrebbe dovuto giocare ad Ischia. “Gli arbitri – racconta l’ex direttore di gara – avvertono la squadra che hanno sbagliato traghetto e giocatori e staff si convincono pure… ma la squadra era sul traghetto giusto, erano gli arbitri che stavano andando a Ischia invece che a Capri”.

BRAVISSIMI, FORTISSIMI…RETROCESSI
Una figura importantissima nelle squadre dilettantistiche è quella del segretario, e lo era in particolar modo prima che arrivasse internet a facilitare le cose. In particolare compito fondamentale era stare attenti a cartellini, diffide e squalifiche. Perché? Lo spiega Bruno Marra, giudice sportivo: “Una volta a fine stagione mi ritrovai a dover dare una decina di partite perse a una squadra. Avevano un calciatore squalificato, ma non lo sapevano, e continuarono a farlo giocare finché un segretario smaliziato e preciso non se ne accorse facendo ricorso, lo imitarono un po’ tutti quelli che avevano perso o pareggiato contro quella squadra, che si trovò con tantissime partite perse per questo motivo”.

L’ARBITRO CHE SCAPPA E QUELLO CHE FA SCAPPARE
Mario Quarantiello, ex arbitro, commissario di campo e assistente giudice sportivo ricorda due episodi in particolare: “Un derby sentito in cui ci si giocava la promozione nel Sannio: un difensore di due metri prende in maniera evidente il pallone con le mani in area. L’arbitro non chiamò il rigore e i tifosi all’esterno stavano impazzendo. Da commissario entrai in campo e gli suggerii di fingere di sentirsi male e sospendere la partita e così fece e riuscii a salvarlo”. Altro episodio lo vede protagonista: “Nessuno voleva arbitrare una partita di una squadra del casertano reduce da una lunga inibizione per via di intemperanze dei tifosi. Ci andai io. All’epoca facevo judo e karate a livello quasi professionistico. Quando arrivai allo stadio uno dei tifosi mi riconobbe perché frequentava anche lui le palestre e “i tatami”. Mi salutò e si rivolse ai suoi compagni di tifo dicendogli in dialetto: “Ragazzi, oggi facciamo i bravi altrimenti l’arbitro ci riempie di mazzate”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La favola di Vicenza in Europa: dal Menti a Stamford Bridge, cronaca di un sogno spezzato sul più bello (dal Chelsea di Vialli e Zola)

next