Tra le tante bufale e notizie false che hanno preso a circolare in Rete in queste settimane di emergenza coronavirus ci sono anche quelle rilanciate da sedicenti santoni. Uno di questi si fa chiamare dottor Shiva Ayyadurai, dice di essere uno scienziato e businessman di origini indiane trapiantato negli Usa, e rilancia teorie complottiste e bufale già smentite più volte dalla comunità scientifica. In particolare è diventata virale sui social una sua intervista a The Next News Network in cui definisce il coronavirus un complotto dei cosiddetti ‘”poteri forti” per obbligare l’intero mondo a un vaccino. E fa nomi e cognomi: da Hilary Clinton a Bill Gates passando per Big Pharma e Anthony Fauci. A suo dire tutti questi soggetti farebbero parte di un circolo segreto che punta a trarre profitto dalla situazione imponendo il vaccino obbligatorio per l’intero mondo.

Una narrazione assolutamente fantasiosa e priva di qualsiasi fondamento, ma che purtroppo trova seguito in Rete. Così come un’altra sua fake news sull’uso della vitamina C per curare il coronavirus: in diverse discussioni ha sostenuto e continua tutt’ora a a sostenere la sua efficacia contro il Covid. E aveva anche suggerito a Trump che non fosse necessaria alcuna misura di contenimento e nessun lockdown. Tanto da conquistarsi ottenere un paragrafo sulla sua pagina Wikipedia dal titolo: “Disinformazione Covid-19″. Eppure il “dottor” Shiva era già stato smentito in passato per un’altra assurda bufala da lui inventata: quella in cui si definiva l’inventore dell’email (sì, ha davvero millantato di aver creato la posta elettronica 10 anni prima dell’annuncio ufficiale).

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, organizza grigliata sul tetto e poi prende un agente per farsi pagare le interviste: “Con me non potete parlare, ho i diritti d’immagine”

next
Articolo Successivo

Victoria Cabello: “Ho già vissuto un isolamento come questo. La differenza è che ora sto bene: allora mi davano della pazza e invece ero malata”

next