Paola Ferrari ha fatto fatica a trovare le parole per tirare fuori il grande dolore per la scomparsa di Franco Lauro, l’amatissimo volto sportivo Rai morto ieri 14 aprile a 58 anni. “Le parole non le trovo proprio in questo momento”, ha scritto la giornalista. “Franco era stato il primo in tutte le trasmissioni che conduceva ad avere una parola dolce e un pensiero per i malati e per gli infermieri e per i carcerati... qualcuno di noi sorrideva di questo… aveva una sensibilità unica”, ha scritto poi. Collega e “amico di tante avventure”, come scrive le stessa, la Ferrari non è stata l’unica a ricordare Lauro sui social. “Per tanti italiani tu eri il basket ma pure il calcio. Eri lo sport, eri la Rai. Per me eri uno dei colleghi più gentili. Sempre il primo che si avvicinava per un saluto, disponibile anche durante caotiche trasferte, complice, sorridente. Eri tu, semplicemente Franco Lauro…”, ha scritto Lia Capizzi. “Un collega sorridente, sempre garbato e ironico. E tanti ricordi di basket di quando ero ragazzo e ti ascoltavo in tv al sabato. Che grande dolore”, ha scritto Pierluigi Pardo. E Simona Ventura ha voluto salutarlo con queste parole: “Non posso credere che tu non ci sia più . Compagno di tante avventure sportive a cui in questi giorni pensavo con insistenza . Buon viaggio Franco RIP”. “Cominciammo insieme a Radio Incontro di Roma. Si capiva che aveva la stoffa del conduttore, ma come me aveva una passione smisurata per le telecronache (lui di basket). Poi ha fatto alla grande tutte e due le cose. Franco Lauro rimarrà nel mio cuore”, ha scritto Sandro Piccinini. A questi tweet di sono uniti quelli di diversi club e della Lega Serie A: “Ci ha lasciato Franco Lauro, stimato giornalista sportivo scomparso prematuramente. Il pensiero di Lega Serie A va alla sua famiglia e alla redazione di RaiSport”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la figlia di Mia Farrow ricoverata in ospedale a 26 anni: “Pregate per lei, sta lottando”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, a Napoli il brindisi è geniale e il cin-cin dai balconi fa il giro del mondo: “Italian style”

next