Il Campionato del Mondo di Formula E sigla una partnership con l’UNICEF e riparte dalle console di gaming casalinghe per raccogliere fondi in questa emergenza sanitaria.

La Formula Race at Home Challenge ABB è una competizione di e-sport in stile “race royale” a cui parteciperanno tutti i principali attori del campionato ABB FIA Formula E insieme ad una selezione dei migliori gamer.

Si tratta di un’iniziativa che consentirà a tutto il Circus (team, produttori, partner, piloti e fan di ABB FIA Formula E) di raccogliere risorse che l’UNICEF destinerà all’infanzia con programmi di apprendimento a distanza per i bambini che non vanno a scuola e l’acquisto di dispositivi per la protezione individuale degli operatori sanitari.

“Siamo davvero entusiasti di questa partnership con UNICEF”, ha dichiarato Jamie Reigle, CEO di Formula E. “Con le nostre piattaforme fino ad oggi ci siamo battuti per combattere il cambiamento climatico incentivando il passaggio alla mobilità elettrica, oggi, la utilizziamo anche per aiutare la comunità ad uscire dalla crisi sanitaria”.

I protagonisti di queste gare “casalinghe” si divideranno su due griglie. Da una parte, avremo piloti, squadre e partner ufficiali della Formula E. Dall’altra, ci saranno i migliori sim-racer che gareggeranno parallelamente su un’altra starting grid. Tutti saranno collegati da remoto e si correrà sfruttando il software di simulazione rFactor 2.

Il campionato durerà 9 settimane e sarà trasmesso in diretta sulle piattaforme digitali Formula E di Twitch, YouTube, Facebook e Twitter, e dalle emittenti partner.

I commenti sui canali web saranno affidati a Jack Nicholls, reporter di Formula E, Nicki Shields e il tre volte vincitore della 500 Miglia di Indianapolis Dario Franchitti. In Italia le corse live e gli higlight saranno trasmessi dai canali di Mediaset a partire dal 25 aprile.

Il gamer vincente si aggiudicherà un vero giro di pista su un circuito Formula E in un weekend di gara.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili