Cos’è il Mes?“, scriveva Flavia Vento su Twitter qualche giorno fa. Una domanda che aveva dato vita ad una serie di risposte comiche, tanto che qualcuno aveva commentato: “Grazie del tweet, le risposte sono bellissime“. Ma la showgirl non ha capito (qualcuno ha provato a spiegarglielo seriamente) e, a un certo punto, nella discussione è intervenuto anche Claudio Borghi (Lega) con una risposta che ha dato vita a uno scambio che molti utenti hanno definito “tra migliori gag della storia della comicità“. “Ancora non ho capito cos’è il Mes”, scrive la Vento. “Una cassa gestita da un tuo nemico, tale Klaus, che funziona così: tutti ci mettono i soldi, se ne ha bisogno uno che deve pagare Klaus, può prelevare quanto vuole se ne ha bisogno tu puoi prelevare solo se in cambio lasci a Klaus le chiavi di casa così può prendersi i gioielli”. A quel punto l’attrice ha ribattuto: “Chi è Klaus?“, scatenando decine di battute. “Da girarci un film; in stile “Zelig”: bianco e nero, Flavia Vento e Borghi come protagonisti. Regia di Woody Allen“, commenta qualcuno. “Voglio pubblicamente ringraziare Flavia Vento e Borghi per farmi rotolare per terra dalle risate e non sto scherzando“, si legge ancora.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, a Napoli il brindisi è geniale e il cin-cin dai balconi fa il giro del mondo: “Italian style”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Gino Sorbillo: “Costretto a chiudere almeno quattro pizzerie, a Napoli e Milano”

next