Fabio Fazio ha intervistato a Che tempo che fa Lucia Azzolina o Sabina Guzzanti? L’intervento del Ministro dell’Istruzione, in quota Movimento 5 Stelle, nel programma di Rai2 era particolarmente atteso da molti studenti e dalle loro famiglie, il futuro dell’anno scolastico è sempre più in bilico per il Coronavirus. Sui social, soprattutto su Twitter, in moltissimi si sono distratti dal contenuto delle dichiarazioni dell’esponente del governo Conte concentrandosi solo sulla sua visibile somiglianza con la comica romana.

In pochi minuti il nome della Guzzanti è volato in trending topic. “Il ministro dell’istruzione è Sabina Guzzanti che imita il ministro dell’istruzione o un ministro dell’istruzione che assomiglia a Sabina Guzzanti?“, ha scritto il giornalista Andrea Vianello. “Ma solo a me la Ministra Azzolina sembra Sabina Guzzanti quando faceva Moana Pozzi?”, ha aggiunto un altro account a cui si sono aggiunti altri commenti: “Lucia Azzolina è Sabina Guzzanti che imita Lucia Azzolina che imita Sabina Guzzanti. Inception.”

Una somiglianza molto forte, complice la gestualità spiccata, una mimica piuttosto simile. L’espressione degli occhi, gli zigomi accentuati, con un tono di voce che si presta alla parodia e la scenografia che sembrava riportare gli spettatori allo storico Ottavo Nano. L‘effetto imitazione ha distorto l’attenzione dai contenuti, almeno quella degli utenti social dove non è arrivata però per ora una reazione di Sabina Guzzanti. Una sua imitazione sarebbe forse troppo facile e scontata ma strapperebbe sicuramente un sorriso.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Califfato e Unorthodox: due serie tv sulla tossicità del fondamentalismo religioso

next
Articolo Successivo

Un Posto al Sole diventa “Un Posto a Casa”: ecco cosa vedranno gli spettatori

next