Mentre fuori dalla Casa di Cinecittà il mondo si ferma, all’interno delle quattro mura del “Grande Fratello Vip” tutto va avanti come se niente fosse. Anche gli animi, come al solito, sono infuocati. L’ultimo litigio in ordine cronologico è stato quello tra Sossio Aruta e Teresanna Pugliese. Provocazione dopo provocazione, i due gieffini sono arrivati quasi alle mani. Materia del contendere è stato un piatto cucinato da Teresanna e mangiato da Sossio, nonostante i loro rapporti tesi. “Non mi rivolgi la parola, poi prendi il pollo che ho fatto con tanto amore per i miei amici. Non è che non voglio che mangi, ma hai questo atteggiamento come se gli altri non esistessero. Tu non dici buongiorno, non dici buonasera (…) Visto che tu la mattina non dai né il buongiorno e né la buonasera, questo piatto non ti è dovuto. Con te ho giocato all’inizio, poi ho visto che sei un cane e allora non voglio giocare più”, ha attaccato l’ex tronista.

Pronta la risposta di Sossio, anche lui proveniente dal mondo di “Uomini e Donne”: “Modera i termini perché cane sarà quello che sta con te (…) Mi ha chiamato cane, ‘sta cafona”, è stato il suo affronto. A riportare ordine ci ha pensato Patrick Ray Pugliese, che ha ricordato ai due di come la giornata (anche all’interno del Gieffe) fosse dedicata alle vittime del Coronavirus: “Oggi è una giornata di lutto, non è giorno per litigare”.
Poche ore più tardi, durante la semifinale trasmessa su Canale 5, Sossio ha deciso di scusarsi con Teresanna. “Prima ho fatto l’uomo e sono andato a chiedere scusa perché in un momento di rabbia ho messo in mezzo suo marito”, ha detto con le lacrime agli occhi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“La Prova del Cuoco verso la chiusura definitiva”

next
Articolo Successivo

Sono le Venti torna stasera, ecco le anticipazioni di Peter Gomez. Appuntamento alle 19.55 sul Nove

next