Si è spenta un’interprete storica e amatissima della canzone napoletana, Mirna Doris. La cantante era malata di cancro, aveva 79 anni. Nata a Napoli, Annunziata Chiarelli, questo il suo vero nome, avrebbe compiuto 80 anni il prossimo 28 settembre. Nota in tutto il mondo, è stata una delle protagoniste assolute della musica partenopea e nazionale. La Doris vinse il Festival di Napoli nel 1968 e da lì un infinito numero di successi e di partecipazioni canore e televisive, soprattutto in Rai. Il decesso è avvenuto a Villa Angela, la clinica di via Manzoni a Napoli dove era ricoverata per curare un brutto male. Dopo alcune incertezze, è stata la stessa struttura sanitaria ad annunciare il decesso: “Purtroppo – ha confermato Fabio Turiello, responsabile dei ricoveri di Villa Angela – il cuore di Mirna Doris si e’ fermato alle 11.40 di stamane. In un primo momento abbiamo sperato di non dare questa notizia, poi dal medico che aveva in cura la cantante è arrivata la notizia esatta del decesso: arresto cardiaco”. La conferma è arrivata dopo che fin dalle prime ore del mattino la morte della cantante era stata oggetto di conferme e smentite con vari post di addio pubblicati sui social. “Mirna Doris è viva: è stato un errore della clinica”, il post pubblicato sul profilo ufficiale dell’artista (ore 9:47), lo stesso che poco più di un’ora prima (ore 8:17) aveva postato: “Ciao Mirna, vola libera in cielo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Harry e Meghan, il principe “non può volare dal padre Carlo” ma in California sì. La coppia si trasferisce in Usa e a Buckingham Palace non la prendono bene

next