Quando l’influencer americana Ava Louise aveva lanciato la #CoronavirusChallenge, quella che consisteva nel riprendersi intenti a leccare i sedili del water, non credevamo che qualcuno arrivasse ad emularla sul serio. Invece è successo. Un ragazzo, che su Twitter si faceva chiamare @gayshawnmendes (proprio come il cantante), ha pubblicato un video dove, tutto fiero, lecca i servizi igenici di un bagno pubblico con la didascalia: “RT per diffondere la prevenzione per il Coronavirus :)”. La clip in poche ore ha raggiunto oltre 5 milioni di visualizzazioni e migliaia di commenti (quasi tutti giustamente indignati e risentiti).

Il risultato? Il giorno dopo Larz, questo il suo nome, pubblica un’altra foto. Stavolta è seduto su quello che sembra essere il letto di un ospedale. “Sono risultato positivo al Coronavirus”, è la scritta, accompagnata da un’emoticon triste. Non è chiaro se si tratti dell’ennesima provocazione per far parlare di sé (com’è probabile che sia) o se realmente questo ragazzo incivile abbia contratto il virus Covid-19. Tant’è, Twitter ha deciso di sospendere il suo account e regalargli l’oblio.

E pensare che il ragazzo sembra essere pure recivido. Già a luglio Larz era stato fermato dalla polizia per aver mangiato il gelato da una vaschetta del supermercato, salvo poi rimetterla nel congelatore del market, come se niente fosse, tutto a favore di camera. Anche quella volta aveva guadagnato milioni di visualizzazioni e l’odio dei social.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vittorio Sgarbi contro il premier Conte: “Ha rotto i cogl*** con queste dirette Facebook, voglio capire dove stiamo andando”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Giuliana De Sio dimessa dallo Spallanzani. La foto: “Sono uno straccio di donna”

next