Comincia giovedì 19 marzo, alle ore 12.00, la prima ‘Quarantena League‘: un torneo di calcio organizzato da Le Iene dove nessuno, sia per giocarlo che per vederlo, dovrà uscire di casa, perché la prima regola è osservare le misure del Governo per evitare altri contagi da coronavirus. Tanti campioni del calcio italiano si sfidano dal divano di casa, giocando a Fifa2020, in diretta su iene.it e sui canali Instagram e Facebook de Le Iene. Mario Balotelli, Marco Materazzi, Fabio e Paolo Cannavaro, Ciro Immobile, Andrea Pirlo, Ciro Ferrara, Massimo Oddo, Sandro Tonali, Bernardo Corradi, Luca Pellegrini, Enock Balotelli, Lyanco, Cristian Zaccardo, Davide Zappacosta, Armando Izzo, Andrea Petagna, Alessio Cerci, Enrico Brignola, Sebastiano Esposito, Adjapong, Javier Pastore, sono solo alcuni dei calciatori che hanno già deciso di prendere parte a questo torneo tutto giocato online. Le iscrizioni, per altri giocatori, sono ancora aperte sul sito www.iene.it.

Le partite avranno il commento tecnico di Pierluigi Pardo e quello un pò meno tecnico della Gialappàs Band, da giovedì 19 marzo alle ore 12.00, fino alla finalissima di lunedì 23 marzo. I sorteggi ufficiali, che decideranno gli accoppiamenti per i primi incontri, avranno luogo mercoledì 18 marzo alle ore 14.00, rigorosamente indoor da casa Marcuzzi e da casa Savino, e, come per l’intero torneo, potranno essere seguiti in diretta su iene.it e tutti i canali social de Le Iene.

La redazione de Le Iene e tutti i campioni che hanno accettato di partecipare alla ‘Quarantena Leaguè sperano di portare un sorriso e un pò di compagnia nelle case degli italiani che stanno vivendo in quarantena questo momento così difficile. Le Iene sostengono insieme a Cesvi una raccolta fondi a favore dell’Ospedale di Bergamo Papa Giovanni XXIII, situato in una delle zone più colpite dall’emergenza coronavirus in Italia.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus blocca festeggiamenti per San Patrizio, patrono d’Irlanda: i pub restano chiusi ma la parata si fa sui social

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Vittorio Sgarbi cambia idea: “Stiamo facendo la cosa giusta per resistere al contagio”

next