La “recessione globale è già qui”. A causa delle ripercussioni economiche dell’epidemia di coronavirus, la crescita mondiale nel 2020 si attesterà a -1,5% quest’anno – contro il +3,3% previsto solo a febbraio – con rischi “nettamente” al ribasso. Lo scrive S&P in un report in cui Paul Gruenwald, capo economista, sottolinea come “i primi dati in arrivo dalla Cina suggeriscono che la sua economia è stata colpita molto più duramente di quanto previsto”. Ora ci sono segnali di stabilizzazione, ma nell’occhio del ciclone è finita l’Europa.

E anche per il capo economista di Morgan Stanley, Chetan Ahya, una recessione globale nel 2020 “è lo scenario di base”: i danni dal coronavirus e dalla stretta delle condizioni finanziarie “causeranno uno shock materiale all’economia globale”. E “questa volta sarà peggio della recessione globale del 2001“.

A sua volta Goldman Sachs vede “l’area euro in chiara recessione, con forti contrazioni sia nel primo che nel secondo trimestre” e taglia le stime sul Pil di Italia, Francia, Germania, Francia e Spagna. La valutazione pre-virus per il nostro Paese era di un +0,2, ora è -3,4% quest’anno con +3,5% nel 2021. In linea, quest’ultimo dato, con la stima per l’area euro, per la quale nel 2020 era attesa un +1% di crescita mentre la previsione ora è di -1,7%. Per la Germania il calo atteso per il 2020 è 1,9% (+0,9% pre-virus) mentre per l’anno prossimo si stima un +3,6%. Per il pil francese la flessione prevista è dello 0,9% (+1,1% pre-virus) con un +3% per il 2021. Quanto alla Spagna la flessione attesa è di un -1,3% (+1,8% pre-virus) con un +4,3% per l’anno prossimo.

“L’Europa e gli Stati Uniti stanno seguendo un percorso simile” a quello della Cina, si legge nel rapporto di S&P, “dal momento che le crescenti restrizioni ai contatti interpersonali fanno ipotizzare un crollo della domanda che porterà a un’attività nettamente inferiore nel secondo trimestre prima che inizi una ripresa più avanti nel corso dell’anno”. S&P segnala come dall’ultimo aggiornamento, lo scorso 3 marzo, “la diffusione del coronavirus ha subito un’accelerazione e le sue ripercussioni economiche sono notevolmente peggiorate. I dati economici rimangono scarsi, ma i dati iniziali tanto attesi dalla Cina per gennaio e febbraio sono stati molto peggiori di quanto si temesse“.

Il coronavirus, facendo crollare i flussi di cassa e dando una stretta alle condizioni finanziarie, associato allo choc sui prezzi petroliferi “darà un colpo al merito di credito” di molte aziende, portando probabilmente a “un balzo dei default“, conclude Standard & Poor’s, che prevede un tasso di default che negli Usa potrebbe superare il 10% e in Europa avvicinarsi a quel livello nei prossimi 12 mesi.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, gli interventi per le imprese nel decreto Cura Italia: più facili garanzie sui prestiti, rate sospese e incentivi per la sanificazione

next