Non c’è più tempo. Servono nuovi ospedali, non domani, ma ora. Servono nuovi professionisti, non persone improvvisate. Siamo come soldati gettati al fronte senza protezioni. Rischiamo di portare il virus a casa, siamo stremati”. È il forte appello lanciato dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni sanitarie, attraverso un video pubblicato su Youtube, che descrive la situazione in cui si trovano a dover lavorare gli infermieri. Nel filmato, c’è anche una richiesta di aiuto alla cittadinanza: “Restate a casa. Ogni volta che uscite aumentate la probabilità che il virus si diffonda”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bergamo, esplosione in una palazzina: un morto. “Causata da una bombola di gas”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, virologo Pregliasco: “Siamo ancora nella fase acuta. Potremo tirare un sospiro di sollievo non prima di metà aprile”

next